Dichiarazione d'intenti

Da Wikimedia Italia.
Versione del 10 dic 2016 alle 20:54 di Laurentius (Discussione | contributi) (Laurentius ha spostato la pagina Associazione:Dichiarazione d'intenti a Dichiarazione d'intenti: approvata nell'assemblea del 10 dicembre 2016)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Wikimedia Italia è entrata nel secondo decennio di vita. Negli ultimi dieci anni sono mutate profondamente le modalità di approccio alla conoscenza: dal 2005 al 2016 gli utilizzatori di Internet sono saliti dal 16 al 47% della popolazione globale e dal 46 al 79% di quella europea (fonte: ITU). L'universo concettuale legato al "digitale" è sempre più presente nel discorso pubblico, e la quantità di dispositivi che utilizziamo per accedere alla rete è triplicata. Tuttavia nella nostra società è ancora preponderante un modello chiuso di creazione e circolazione della conoscenza, che non permette di sfruttarne appieno le potenzialità.

La visione

"Immagina un mondo in cui ogni essere umano possa liberamente prendere parte alla totalità della conoscenza".

Questa è la visione del movimento Wikimedia, che come associazione condividiamo e portiamo avanti. Ma come Wikimedia Italia non intendiamo limitarci a immaginarlo: questo mondo ci impegniamo a costruirlo davvero, e lo stiamo facendo.

"Ogni essere umano" e "Totalità della conoscenza" significano avere un approccio globale alla questione dell'accessibilità dell'informazione, che consideri tutte le forme di conoscenza e con una sensibilità alle ricadute che le nostre scelte hanno sul resto del mondo. "Liberamente prendere parte" significa avere accesso ai contenuti e agli strumenti necessari per crearli e fruirne, ponendo attenzione a tutti gli aspetti relativi alla circolazione della conoscenza, siano essi tecnici, legali, economici o sociali.

I nostri valori

Quello che ci caratterizza e ci definisce non è solo la promozione del sapere libero, ma anche il modo in cui lo promuoviamo, perché il cambiamento non si raggiunge solo cambiando la licenza di un documento. Crediamo nella partecipazione come mezzo di crescita personale e di cambiamento sociale: per questo, promuoviamo il mantenimento di un ambiente accogliente e rispettoso, accanto a pratiche di pianificazione trasparenti, orizzontali e partecipate.

Intendiamo promuovere un approccio che tenga conto del contesto sociale più ampio in cui ci troviamo: per questo condividiamo l'impegno di quelle comunità che, come noi, si spendono per la creazione di una società fondata sui valori che proponiamo e ci impegniamo, al contempo, a rinunciare a ogni collaborazione con coloro che dimostrano di ostacolarne la diffusione.

L'associazione

L'impegno volontario è la base su cui si fonda Wikimedia Italia. I soci e le socie devono avere la possibilità di partecipare alle attività e alle decisioni dell'associazione, ricevendo l'effettiva opportunità di portare avanti azioni in linea con la missione e il supporto ad esse necessario, mantenendo un indirizzo unitario.

Wikimedia Italia favorisce l'integrazione tra socie e soci con provenienze differenti, quali ad esempio utenti di Wikipedia e degli altri progetti Wikimedia, mappatori di OpenStreetMap, sviluppatori di software libero e persone che non abbiano in precedenza preso parte a progetti di conoscenza libera online ma ne condividano i principi e i valori fondanti.

I soci e le socie sono incentivati ad organizzarsi, anche a livello locale e con un ampio grado di autonomia, per poter più efficacemente portare avanti le proprie attività.

L'associazione coltiva rapporti positivi con le comunità online di riferimento, come quelle di OpenStreetMap, di Wikipedia e dei progetti Wikimedia, rispettandone le caratteristiche e l'autonomia, e mantenendo un ruolo ad esse complementare e di ausilio.

Il mondo

Crediamo che chiunque abbia il diritto di accedere e contribuire alla conoscenza e riconosciamo che lo sviluppo del sapere è un processo incrementale, in cui ogni nuova creazione si basa sul corpo di conoscenza preesistente. Vogliamo che avvenga un cambiamento di mentalità che porti le persone a capire che il miglior modo per produrre e disseminare la conoscenza è lasciare che un pubblico il più vasto possibile ne possa liberamente prendere parte. L'uso di licenze libere, dove chi fruisce dei contenuti non ha solo obblighi ma anche diritti, è uno dei metodi che consentono di raggiungere questo scopo.

Con questo fine, cooperiamo con le persone, le associazioni, i gruppi informali e le istituzioni, in particolare quelle che producono o possiedono risorse e contenuti, affinché abbandonino una mentalità proprietaria e restrittiva.

In accordo con le comunità online, facilitiamo la partecipazione a Wikipedia, ai progetti Wikimedia e a OpenStreetMap, attraverso contributi diretti e il riuso dei materiali esistenti.

Promuoviamo, anche in collaborazione con la comunità e con altre associazioni italiane e internazionali, un cambiamento normativo che elimini gli ostacoli attualmente esistenti alla creazione e alla diffusione della conoscenza libera, introduca la libertà di panorama in tutta Europa, rimuova le restrizioni alla pubblicazione delle immagini dei beni culturali italiani e permetta l'accesso aperto alla ricerca scientifica e ai contenuti prodotti con fondi pubblici.

Trento, 10 dicembre 2016