A scuola di information literacy e di Wikipedia

Da Wikimedia Italia.
Versione del 8 nov 2016 alle 11:13 di Yiyi (Discussione | contributi) (Link esterno)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
A scuola di information literacy e di Wikipedia
Luogo Potenza
Sito web
Categoria Scuole
Partner Liceo scientifico statale annesso al Convitto nazionale Salvator Rosa
Ruolo WMI partner
Data di inizio maggio 2015
Data di fine giugno 2015
Budget
Staff Luigi Catalani

Finanziato dalla Regione Basilicata nell’ambito dell’avviso Pubblico “Buone pratiche e progetti di valenza scientifica e culturale realizzati dagli Istituti scolastici della Basilicata” (DGR n. 1593 del 22 dicembre 2014, FSE Basilicata 2007- 2013), il progetto A scuola di information literacy e di wikipedia ha coinvolto circa 80 studenti del Liceo scientifico statale annesso al Convitto nazionale Salvator Rosa di Potenza con il patrocinio di Wikimedia Italia.

Il progetto è stato ideato e realizzato da Luigi Catalani con il contributo di Andrea Zanni. Iniziato il 5 maggio 2015, è terminato il 5 giugno 2015 con la manifestazione finale.

Finalità e obiettivi

Il progetto ha inteso:

  1. trasmettere a docenti e studenti le principali abilità e conoscenze relative al mondo della documentazione in rete, attraverso lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche dedicate alle varie risorse informative;
  2. avvicinarli ai progetti collaborativi online basati sulle piattaforme wiki.

Il progetto si è posto l'obiettivo del trasferimento di competenze e abilità circa:

  1. i nuovi meccanismi di produzione, trasmissione e ricezione dell'informazione (passaggio dal modello tradizionale di comunicazione alla progressiva disintermediazione nell'accesso all'informazione);
  2. la ricerca, la selezione, la valutazione e il riutilizzo delle fonti online utili allo studio e alla ricerca;
  3. il riconoscimento dei meccanismi di falsificazione dei processi informativi;
  4. la verifica dell'attendibilità della documentazione online;
  5. la pubblicazione di nuova documentazione sulle piattaforme wiki. Il progetto si è posto dunque l'obiettivo di stimolare l'approccio critico, maturo e consapevole alle fonti di informazione in rete.

Attività svolte

Corso per docenti

Andrea Zanni ha svolto 8 ore di corso su Wikipedia per i docenti, dedicate ai seguenti argomenti:

  1. i cinque pilastri
  2. le procedure di registrazione
  3. la modifica delle pagine
  4. la creazione delle pagine
  5. Wikisource: rilettura e correzioni dei testi.

Corso per studenti

Luigi Catalani ha svolto 10 ore di corso per ciascuna delle cinque classi coinvolte (una prima, una seconda, una terza e due quarte) organizzate in 3 gruppi (per un totale di 30 ore), dedicate ai seguenti argomenti:

  1. presentazione del progetto: l'information literacy;
  2. discussione sulle fonti di informazione online e sulla loro attendibilità;
  3. i servizi bibliotecari;
  4. il catalogo e la bibliografia;
  5. libri elettronici e biblioteche digitali: dimostrazioni pratiche di utilizzo;
  6. l'importanza delle fonti;
  7. i motori di ricerca: luci e ombre di Google;
  8. Wikipedia: come funziona, come contribuire;
  9. confronto tra Wikipedia e le enciclopedie tradizionali: autorevolezza e verificabilità;
  10. Wikipedia: i cinque pilastri, raccomandazioni e linee guida;
  11. Wikipedia: cronologia, spazi di discussione, atti di vandalismo, blocchi;
  12. l'uso delle immagini: Wikimedia Commons e le licenze d'uso;
  13. esercitazioni pratiche sulla piattaforma Wikipedia: modifica delle pagine e creazione di nuove pagine.

Questionario

Al termine del progetto è stato sottoposto ai partecipanti un questionario composto dalle seguenti domande:

  • Cos'è l'information literacy?
  • Credi che sia una competenza importante per gli studenti nell'epoca della società dell'informazione?
  • Quali sono i principali servizi offerti da una biblioteca?
  • Cos'è una biblioteca digitale?
  • Indica un pregio di Google.
  • Indica un difetto di Google.
  • Chi può scrivere su Wikipedia? Quali sono le principali differenze tra l'Enciclopedia Treccani e Wikipedia?
  • Le informazioni che trovi sul web sono sempre attendibili?
  • Le informazioni che trovi su Wikipedia sono sempre attendibili?
  • Qual è il principale criterio per valutare la qualità di una voce enciclopedia su Wikipedia?
  • Come si chiama la piattaforma wiki su cui è possibile caricare immagini con licenza libera?
  • Hai trovato utile scoprire alcuni dei meccanismi su cui si basa Wikipedia?
  • Credi di contribuire in futuro al miglioramento della qualità delle voci presenti su Wikipedia?

Gli esiti del questionario sono stati piuttosto confortanti. In particolare, il 60 % degli studenti sosteneva di voler contribuire a Wikipedia in futuro o di aver già cominciato.

Manifestazione finale

Al termine del progetto, Luigi Catalani ha creato una pagina sul sito della scuola dedicata alle risorse online, divise fra strumenti per reperire informazioni online (cataloghi, biblioteche, collezioni digitali, motori di ricerca) e strumenti per iniziare a contribuire a Wikipedia Link. Nella stessa pagina sono elencate anche le voci di Wikipedia oggetto delle esercitazioni (si tratta di piccole modifiche).

La pagina web e gli esiti del questionario sono stati presentati durante la manifestazione finale, in occasione della quale i partecipanti hanno ricevuto una copia dell'opuscolo Benvenuti su Wikipedia ristampato per l'occasione.

Il progetto ha previsto inoltre l'acquisto di 10 copie del libro di Andrew Lih La rivoluzione di Wikipedia, Codice, Torino 2010, da destinare ai docenti coinvolti.

Considerazioni finali

Wikipedia si è rivelata un ottimo strumento per:

  • avvicinare gli allievi al mondo dell'informazione registrata (cartacea e digitale);
  • farli ragionare sull'importanza del riconoscimento e dell'uso delle fonti;
  • addestrarli nell'utilizzo delle piattaforme wiki (regole, sintassi, stile, spazi di confronto e di discussione);
  • invitarli a riflettere con spirito critico sull'attendibilità delle informazioni online;
  • accrescere la loro capacità di valutare tali informazioni sulla base di una serie di criteri e di parametri.

Rassegna stampa

Articoli sono usciti sulla Gazzetta di Basilicata (23 maggio), con un'intervista di Lorenza Colicigno ad Andrea Zanni, e sul Quotidiano di Basilicata (5 giugno).

Presentazione

I risultati del progetto sono stati presentati presso la Biblioteca Nazionale di Napoli il 26 giugno 2015, in occasione dell'iniziativa Wikipedia e biblioteche: il progetto GLAM/AIB Campania

Link esterno