Il Giornale di Vicenza - 8 ottobre 2006

Da Wikimedia Italia.

Dall'inserto "Economia & Stili di vita" de "Il Giornale di Vicenza" e "L'Arena di Verona" di domenica 8 ottobre 2006, pag. 63


ENCICLOPEDIA ON LINE Dibattito sempre acceso sulla cliccatissima «opera omnia» virtuale

La cultura si è aperta al Web: Wikipedia celebra il suo boom

Non è un portale, né un dizionario. Non è un giornale, né una rivista scientifica. Quando Jimbo Wales e Larry Sanger, nel gennaio 2001, fondarono Wikipedia, la definirono stabilendone i confini.

DI ELISA PASETTO

E in effetti la celebre enciclopedia collaborativa online, sedicesimo sito più cliccato del pianeta, che conta oggi oltre cinque milioni di voci in oltre 200 lingue (le colleghe cartacee si fermano sulle cinquemila), non ha regole fisse. Principale caratteristica, rivoluzionaria rispetto alle precedenti raccolte, è che si tratta di un'enciclopedia libera: nel senso che la consultazione è gratuita, ma soprattutto che il contenuto è modificabile da chiunque.

Basta infatti una connessione a internet per partecipare, migliorando voci già esistenti o creandone di nuove, a quella che si prefigge di diventare la più grande enciclopedia della storia, in termini di ampiezza e di approfondimento.

Il sistema è semplice e intuitivo: grazie al software collaborativo wiki (in hawaiiano «veloce») sul sito www.wikipedia.org ogni lemma si conclude con il link «modifica». Il collegamento apre una pagina dove lo stesso testo compare in formato «wikitext», una sorta di html semplificato che permette variazioni rapide. Cliccando «salva», anche senza essere utenti registrati, la pagina va direttamente online.

Nessun editore alle spalle, nessuna firma, nessun controllo preventivo da parte di esperti o amministratori del sito. A garanzia di attendibilità e correttezza solo la preparazione e il buon senso dei wikipediani, gli eterogenei compilatori (studenti, professionisti, esperti di informatica ma anche semplici appassionati di qualsiasi età), tutti volontari. E alcune linee guida: divieto di inserire pubblicità, ricerche originali e materiale protetto da copyright (tutto il resto è rilasciato sotto la licenza Gfdl - Gnu free documentation license, che permette la creazione di opere derivate e l'uso commerciale del contenuto); e punto di vista neutrale, più chiaro e imparziale possibile.

Non molto, secondo i detrattori. «Pur non essendoci controllo prima della pubblicazione», ammette Frieda Brioschi, presidente dell'associazione Wikimedia Italia, che promuove Wikipedia, «sono moltissime le persone che leggono le voci e le informazioni sbagliate sono spesso corrette molto in fretta» grazie al software, che evidenzia le ultime modifiche. «A medio-lungo termine la qualità delle pagine aumenta».

Eppure un test del settimanale "L'Espresso" ha evidenziato come, su cinque errori inseriti in altrettante voci, solo due siano state corrette prima dell'uscita del periodico nelle edicole.

E la diatriba sull'attendibilità della piattaforma, soprattutto per i temi politici e storici, resta più accesa che mai da quando a gennaio la rivista scientifica "Nature" definì Wikipedia accurata e attendibile quanto l'enciclopedia Britannica. Intanto, per arginare i frequenti atti di «vandalismo» e revisionismo politicizzato che danneggiano le voci e la reputazione del megasito, Wikipedia è stata costretta a bloccare 82 voci e a permettere le modifiche di altre 179 solo a utenti registrati. Un colpo di grazia alla filosofia libera dell'enciclopedia.

Ma non al suo appeal presso i wikipediani: 85mila solo in Italia.

«Wikipedia è un progetto che mi entusiasma», si legge nella pagina di Mario, vicentino laureando in astrofisica alla Normale di Pisa, «per la libera condivisione orizzontale del sapere e per il piacere di partecipare alla più grande opera collettiva della storia dell'umanità».

Accuse di inaffidabilità? Ne risponde Citizendium

Nuovo nato in casa Wikipedia. Dopo che Jimbo Wales, uno dei fondatori della prima enciclopedia collaborativa online, aveva ammesso pubblicamente lo scarso livello di accuratezza della piattaforma in seguito alle polemiche scatenate da alcuni casi di vandalismo, il co-fondatore, Larry Sanger, lancia, proprio in queste settimane, Citizendium, un progetto «derivato»: identico alla sorella maggiore nel concetto di base, riveduto e corretto nella filosofia, a favore di informazioni più attendibili e accurate.

Se in Wikipedia non esiste gerarchia tra i redattori, tutti ugualmente degni di modificare, scrivere, correggere, Citizendium (da «citizen compendium», il compendio dei cittadini), pur permettendo a chiunque di partecipare, attribuirà un giudizio di credibilità diversificato, superiore per gli utenti più qualificati.

Questi (esperti, accademici e specialisti) avranno il compito di revisionare i numerosissimi articoli, apponendo la loro firma a garanzia del controllo effettuato. Inoltre sarà impedito di collaborare agli utenti anonimi.

Ma intanto, incurante delle critiche, Wikipedia continua sulla sua strada. Con l'obiettivo di renderla accessibile a tutti, anche a chi non ha a disposizione internet, entro il 2006 inizierà la distribuzione della versione completa in volumi cartacei della Wikipedia tedesca (già edita su dvd), che segue il formato ridotto di quella inglese. Per quanto riguarda la piattaforma italiana, è attualmente in lavorazione una versione che verrà pubblicata in dvd.

Qualche cifra e il glossario dal Npov alla Wikiquette

  • Amministratore: utente che accede a funzioni del software precluse ad altri come proteggere dalla scrittura alcune pagine, cancellarle, mettere al bando utenti o consentirne l'accesso.
  • Ban (divieto): un utente è «bannato» quando un amministratore gli impedisce di modificare le pagine. Se l'utente è anonimo è possibile intervenire con il blocco del suo Indirizzo IP.
  • Edit: modifica di voci, pagine, discussioni.
  • it:wiki Abbreviazione della Wikipedia in lingua italiana (http://it.wikipedia.org).
  • Npov: neutral point of view, uno dei pilastri di Wikipedia.
  • Sorelle minori: versioni regionali di Wikipedia, in sardo e siciliano (dal 2004); friulano, corso, napoletano, veneto e lombardo (2005); ligure e piemontese (2006).
  • Vandalismo: danneggiamento deliberato delle pagine di Wikipedia. Può avvenire cancellando testo o scrivendo frasi offensive o senza senso.
  • Wikiquette: insieme di regole di buona convivenza in Wikipedia.
  • 5 milioni: le voci contenute in Wikipedia.
  • 60 milioni: gli accessi al giorno a Wikipedia.
  • Le edizioni più grandi: inglese, tedesca, francese, polacca, giapponese (l'italiana è al 7° posto).
  • Maggio 2001: nascita della Wikipedia italiana.
  • 202 mila: le voci della versione italiana.
  • 85 mila: utenti registrati di Wikipedia italiana.
  • 7 mila: le nuove voci create ogni mese nella versione italiana.