Comunicati stampa/Posizione di WMI sul report FDC 2013

Da Wikimedia Italia.

MILANO, 10 ottobre 2013 - A seguito della notizia su una possibile corruzione di Wikimedia e di uno spreco di soldi, Wikimedia Italia desidera rendere nota ai suoi donatori e a tutti coloro che sono interessati a Wikipedia la propria posizione sulla vicenda

Lettera ai donatori

Caro donatore, cara donatrice,

in questi giorni è circolata una lunga nota di Sue Gardner, direttore esecutivo uscente della Wikimedia Foundation (la si può leggere a [1]), nota ripresa da vari media, come l'inglese The Register ([2]) e Tom's Hardware ([3]). In sintesi, Sue Gardner - membro del FDC di Wikimedia Foundation, il Found Dissemination Committee che seleziona in tutto il mondo i progetti legati a Wikipedia da finanziare - si lamenta perché i fondi ottenuti con le donazioni finiscono in spese amministrative, mentre lei vorrebbe che si pagassero le persone che volontariamente contribuiscono a Wikipedia; inoltre mette in guardia sui rischi di corruzione nei capitoli locali, che ricevono i fondi dalla Wikimedia Foundation da lei diretta. Ci sembra corretto, soprattutto nei tuoi confronti, porre tali frasi nel giusto contesto.

Innanzitutto - ma questo probabilmente lo sai già! - le donazioni fatte dagli utenti anche italiani "a Wikipedia" non vanno a Wikimedia Italia, ma alla Wikimedia Foundation (WMF). Wikimedia Italia si sostenta con il ricavo del 5 per mille e con le donazioni esplicitamente fatte all'associazione. Dal 2010 non riceviamo più fondi "a pioggia" dalla WMF; nel 2011 e 2012 non abbiamo ricevuto neppure un euro, mentre quest'anno abbiamo ottenuto un rimborso per le spese di organizzazione della Wikimedia Conference, la riunione annuale di tutti i capitoli Wikimedia nel mondo. Ormai solo pochi capitoli locali sono sovvenzionati dalla WMF per il loro bilancio generale; i più sono solo rimborsati per progetti specifici.

Per quanto riguarda tue eventuali altre donazioni alla Wikimedia Foundation, naturalmente noi non siamo in grado di valutare come siano suddivise le loro spese. Ricorda comunque che perché tu possa connetterti a http://it.wikipedia.org/ la Wikimedia Foundation deve pagare la propria connessione alla rete, e la deve pagare tanto proprio perché sono in tantissimi ad accedere al sito. È certamente necessario fare attenzione a non spendere inutilmente soldi, ma come associazione non riteniamo né tecnicamente fattibile né utile pagare i volontari che contribuiscono all'enciclopedia. Rischieremmo una corsa alla quantità a scapito della qualità, magari da parte di persone che non si erano mai avvicinate prima a Wikipedia. Per noi, come del resto lo statuto dell'Associazione recita, i fondi dovrebbero essere piuttosto usati per iniziative che aumentino la consapevolezza che chiunque può contribuire all'ampliamento e alla libera fruizione della conoscenza.

Infine, per quanto riguarda le spese amministrative di Wikimedia Italia, a parte le spese di cancelleria – ogni tanto occorre scrivere una lettera cartacea... – esse consistono nell'affitto della sede dell'associazione, nello stipendio di due persone (di cui una part-time) per la segreteria e in un contratto per l'organizzatrice di Wiki Loves Monuments, che ha anche il compito di trovare fondi e sponsor per il concorso. Direttivo, garanti e addetto stampa prestano infatti la loro opera gratuitamente così come tutti gli organizzatori delle nostre iniziative.

Siamo sempre a disposizione nel caso tu abbia ulteriori domande: scrivici pure tranquillamente.

il Direttivo di Wikimedia Italia