Wikimedia news/numero 119

Da Wikimedia Italia.

Wikimedia News - n. 119 - 17 marzo 2016

Convegno Bibliotecari alla Fondazione Stelline 2016, dal sito http://www.convegnostelline.it


Wikimedia Italia al convegno delle Stelline 2016

Il 17 e il 18 marzo 2016 Wikimedia Italia parteciperà attivamente al convegno “Bibliotecari al tempo di Google” presso la Fondazione Stelline a Milano. Si tratta del ventunesimo appuntamento dedicato ai bibliotecari italiani, che in questa sede da sempre si confrontano sulle sfide che il settore deve affrontare nel tempo. Il tema di quest’anno mette sotto i riflettori il rapporto dei bibliotecari con le pressanti necessità di un lavoro che è sempre più digitalizzato. Wikimedia Italia sarà presente con uno stand e contribuirà al dibattito con un convegno in programma per venerdì 18 marzo. I rappresentanti della nostra Associazione, impegnati da sempre nei progetti rivolti ai professionisti del settore culturale, racconteranno le esperienze concrete di collaborazione che legano il mondo Wikimedia al sistema bibliotecario italiano.
Il programma completo del convegno di Wikimedia si trova sul nostro blog.


La sala grande della Fondazione Mansutti, di Fondazione Mansutti (Opera propria) [CC BY-SA 4.0], via Wikimedia Commons


Wikipediani in Residenza nei musei: report

  • Prosegue il progetto alla Fondazione Mansutti di Milano, che prevede di realizzare centinaia di voci enciclopediche sulla storia dell'assicurazione, accompagnate da altre foto di frontespizi antichi, altrimenti di difficile accesso. La realizzazione delle voci in lingua italiana è a buon punto, mentre il caricamento delle foto su Wikimedia Commons è completo. È disponibile una relazione sugli obiettivi realizzati nel primo mese di lavoro.
  • È iniziata a marzo anche la collaborazione con il MUSE - Museo delle Scienze di Trento. Niccolò Caranti si occuperà di caricare le immagini dei reperti posseduti dal museo e di formare i ricercatori, in modo da metterli in condizione di contribuire autonomamente. Lavorerà inoltre alla digitalizzazione su Wikisource di testi antichi custoditi nella biblioteca dell'istituzione.
  • Al Museo nazionale della Scienza e della Tecnologia L. Da Vinci di Milano, Marco Chemello ha iniziato il percorso di formazione sull'uso di Wikipedia con un nutrito gruppo del personale. È inoltre stata avviata la selezione dei contenuti da condividere con licenza libera, con un focus particolare sulle collezioni tecnico-scientifiche del museo, che sono le più conosciute e rappresentative.
  • Presso la Fondazione BEIC il Wikipediano in Residenza, in collaborazione con il personale, ha iniziato a trasferire contenuti tratti dalla collezione Viaggi in Italia e nel mondo. A breve, inoltre, verranno caricate su Wikimedia Commons le immagini dell'archivio fotografico del fondo Paolo Monti.



Marzo: il mondo wiki nelle scuole con Wikimania Esino Lario

Presentazione a scuola - progetto per Wikimania Esino Lario - dicembre 2015 di Lara Pensa [CC BY-SA 4.0], via Wikimedia Commons

Per realizzare Wikimania 2016, il team di Esino Lario ha ottenuto un finanziamento da Fondazione Cariplo. La conferenza di giugno si inserisce nel quadro di un progetto più ampio, Wikimania Esino Lario - Protagonismo culturale offline e online, che prevede il coinvolgimento del pubblico nella fruizione e produzione di contenuti. Parte del progetto riguarda l'intervento nelle scuole, portato avanti nello specifico dal collaboratore di Wikimedia Italia Dario Crespi. I corsi per studenti e insegnanti sono volti a migliorare la comprensione del funzionamento di Wikipedia e a permettere un uso più consapevole dello strumento. A oggi sono quattro gli istituti nella provincia di Lecco e Como coinvolti, per un totale di circa 400 alunni. Inoltre, sono già stati calendarizzati altri sei incontri che si svolgeranno presso altrettanti istituti lombardi. L'interesse manifestato dalle scuole cresce di giorno in giorno, perciò prevediamo che il numero delle classi partecipanti aumenterà ancora.


Fondazione Micheletti: nuovo partner GLAM

Prigionieri austriaci, 1918, di Fondazione Micheletti (archivio), [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons

Si aggiunge un nuovo prestigioso partner al progetto GLAM: la Fondazione Luigi Micheletti di Brescia. La collaborazione prevede il rilascio con licenza libera, e il caricamento su Wikimedia Commons, di 100 immagini provenienti dall'archivio Micheletti e due incontri formativi per il personale della Fondazione. La Fondazione Luigi Micheletti è un centro di ricerca sull’età contemporanea, specializzato nella raccolta e comunicazione del patrimonio materiale e immateriale del XX e XXI secolo. Nel contesto della partnership con Wikimedia Italia, la Fondazione si impegna a coinvolgere altre realtà del territorio (archivi, scuole etc.), in modo da prefigurare un progressivo allargamento della presente collaborazione.


Appuntamenti e comunicazioni

  • 17 marzo, Genova: presso la Biblioteca Universitaria, corso introduttivo a Wikipedia con Susanna Giaccai
  • 19 marzo, Ragusa Ibla (RG), presso Ex Convento di santa Teresa: editathon a insegnanti delle scuole superiori, organizzata dall'Università degli Studi di Catania, Struttura Didattica Speciale di Lingue e Letteratura Straniera, tenuta da Giovanni Augulino (socio Wikimedia Italia).
  • 19 marzo, Potenza: Luigi Catalani tiene un secondo incontro rivolto a 3 docenti e 40 studenti del Liceo Scientifico G. Galilei di Potenza per monitorare il lavoro svolto finalizzato alla stesura di alcune voci su Wikipedia dedicate alle opere di Bernardino Telesio. I risultati dell'attività saranno presentati l'8 aprile in occasione del Convivium Galileianum.
  • 21 marzo, Busto Arsizio (VA): premiazione del concorso Wiki Loves Busto Arsizio 2015, presso Villa Calcaterra, via Magenta 70. Con Dario Crespi (coordinatore Wikimedia Italia per la Lombardia) e Iolanda Pensa (coordinatrice Wikimania Esino Lario e socia Wikimedia Italia).
  • 9 aprile, Firenze: assemblea dei soci di Wikimedia Italia, presso la Biblioteca delle Oblate (via dell'Oriuolo 24). I posti della sala sono limitati, perciò occorre iscriversi per tempo compilando il modulo online su Eventbrite. Gli ultimi dettagli sono in fase di definizione: consigliamo di seguire la pagine dedicate per rimanere sempre aggiornati (pagina per i soci; pagina per il pubblico).


Articoli

  • Il Corriere Fiorentino dedica un articolo all'incontro avvenuto l'8 marzo alla Biblioteca Nazionale di Firenze in occasione della Giornata Internazionale della Donna.


Novità da Esino Lario - Wikimania 2016

Una discussione durante Wikimania 2015, di EneasMx (Opera propria) [CC BY-SA 4.0], attraverso Wikimedia Commons

Mancano tre mesi a Wikimania. In questo momento sono aperte le registrazioni per il 12º raduno internazionale dei volontari di Wikipedia e della comunità Wikimediana. Sono disponibili diversi pacchetti. La registrazione completa, per partecipare solo ai tre giorni di conferenza, oppure anche alle due giornate di preconferenza, comprende anche i pasti e l'alloggio in un albergo o dormitorio a Esino Lario, oppure in uno dei tanti appartamenti messi a disposizione dagli esinesi: semplici alloggi condivisi a poca distanza dal centro del paese. Questo processo è interamente gestito dal team di Wikimania 2016.
È anche possibile scegliere di alloggiare in uno dei comuni vicini a Esino Lario (in particolare Varenna e Perledo): in questo caso è possibile scegliere l'opzione che include solo la registrazione all'evento e i pasti, mentre per l'alloggio è possibile contattare direttamente gli albergatori locali.
Esiste anche la possibilità di partecipare scegliendo l'opzione che comprende la sola registrazione all'evento, senza alloggio e pasti per uno o più giorni, mentre per chi ha la necessità di partecipare con la famiglia è a disposizione un pacchetto per i bambini, ai quali saranno dedicate specifiche attività durante il corso di Wikimania.


Oltre alle registrazioni, sono aperte le call per proporre una discussione, un training o un poster per il Community Village. Questa call chiuderà il 30 marzo. Tutti i wikipediani, wikimediani e le persone coinvolte in progetti legati alla conoscenza libera possono inserire una proposta; per i training è richiesto che ci siano almeno cinque persone interessate a parteciparvi.


Prossimi appuntamenti
Mercoledì 23 marzo, presso il polo territoriale di Lecco del Politecnico di Milano avrà luogo un incontro con l'obiettivo di far conoscere il dietro le quinte di Wikipedia e di OpenStreetMap e di invitare nuovi contributori a questi progetti. Saranno presenti Frieda Brioschi, ex presidente di Wikimedia Italia e membro del direttivo di Wikimedia Foundation, Simone Cortesi, vicepresidente di Wikimedia Italia e tra i più attivi contributori di OpenStreetMap, e Iolanda Pensa, responsabile generale di Wikimania Esino Lario.

Novità dal mondo OpenStreetMap

Con OpenStreetMap si può uscire facilmente dai labirinti. Nello screenshot il labirinto di siepi di Kleinwelka (Sassonia)


  • OpenSnowMap rinnova il codice: il sito permette di vedere tutte le piste da sci mappate su OpenStreetMap.
  • L'Australia ha rilasciato un database contenente tutti i suoi numeri civici. Il progetto OpenAddresses li ha già elaborati.
  • OpenLinkMap torna online: il sito permette di "cliccare" i punti di interesse di OpenStreetMap.
  • Development Seed e American Red Cross hanno sviluppato un sistema di statistiche in real time per tenere traccia dei contributi al progetto Missing Maps.


Novità dal mondo Wiki

Katherine Maher, foto di Sebastiaan ter Burg [CC BY-SA 2.0], via Wikimedia Commons
  • Katherine Maher, capo del settore comunicazione, è stata nominata Direttore Esecutivo ad interim dal board di Wikimedia Foundation, dopo le dimissioni che Lila Tretikov ha rassegnato nelle scorse settimane.
  • La comunità di Wikipedia si è attivata per diffondere quante più informazioni possibili sul preoccupante virus Zika.
  • Nel mese di agosto 2015 a Vienna è nata Wikipedia for Peace, un progetto che unisce utenti diversi, provenienti da culture differenti, con lo scopo di abbattere le frontiere linguistiche e geografiche e unire le persone che vogliono generare consapevolezza discutendo, facendo ricerca e fornendo informazioni su temi di rilevanza socio-politica.