Wikimedia news/numero 12

Da Wikimedia Italia.
Wikimedia news1.png
W i K i M e D i A N e W s - n. 12 del 20 gennaio 2008

Quindicinale ufficiale di informazione dell'associazione Wikimedia Italia.

Editoriale

Questo numero di wikimedia news esce in un momento importante per la nostra associazione, un momento di avvicendamento e di riflessione. Sbisolo ha lasciato la propria carica all'interno del direttivo, l'ha fatto a causa dell'incompatibilità fra il proprio lavoro ed il sempre più pressante impegno che la nostra associazione gli richiedeva. Le motivazioni che hanno portato alla rinuncia di Sbisolo, sono state spunto di riflessione per molti di noi; personalmente mi sono reso conto di quanto wikimedia italia sia cresciuta dal 2005 ad oggi e di quanto il lavoro che la stessa richiede sia incrementato. Nell'ottica di questa riflessione va un mio personale grazie a Sbisolo, per l'onestà morale ed intellettuale manifestata con il suo gesto e, soprattutto, per l'immenso lavoro svolto (soprattutto dietro le quinte) in questi ultimi due anni e mezzo; inoltre, il ringraziamento va esteso a tutti i membri del direttivo ancora in carica, per tutte le ore sottratte al proprio lavoro, alle proprie famiglie ed al proprio tempo libero. Infine, un grande "in bocca al lupo" a Piero Tasso, che, in qualità di primo dei non eletti alle ultime elezioni, si è fatto carico di sostituire Ivan all'interno del consiglio.

Eventi dell'ultimo mese

Qui di seguito una sintesi del resoconto di Aubrey:

Il convegno ha avuto notevole presenza e attenzione di pubblico (soprattutto specializzato, la maggior parte bibliotecari, ma con una considerevole presenza di giovani) ed era incentrato sul Manifesto delle biblioteche digitali, scritto nel 2005. Un tema che ben si adattava, sotto vari aspetti, allo spirito del progetto che siamo andati a presentare: Wikisource, biblioteca digitale wiki.
Ho sottolineato la possibilità e l'efficacia di un progetto costruito interamente dagli utenti, una biblioteca digitale aperta, partecipativa, modificabile. Come progetto wiki, noi di Wikisource siamo proprio all'interno di quel percorso e che le varie biblioteche, digitali e non, stanno cercando di affrontare, quello del Library 2.0: una visione 2.0 della biblioteca (più spazio all'utente, più partecipazione, più conversazione). Dai feedback ricevuti, la presentazione di Wikisource è piaciuta e ha stuzzicato la curiosità. Molte domande erano sul piano tecnico, indice del fatto che il progetto è stato preso sul serio.
Come già per il convegno precedente (Città di Castello, 16-17 novembre 2007), l'attenzione su Wikipedia è risultata massima, tanto che è stata citata da vari relatori, chi come modello partecipativo, chi per la possibilità di modifica, chi come esponente di spicco del web 2.0. Si trattava di addetti ai lavori, a vari livelli, del servizio bibliotecario nazionale, cioè uno degli interlocutori - almeno in teoria - privilegiati per i progetti Wikimedia, in quanto depositari e diffusori di conoscenza e di contenuti di altissimo livello culturale. In linea di massima, inoltre, non legati a particolari interessi economici.
C'è da dire che quello dei bibliotecari è stato, fino a pochi anni fa, un mestiere che da secoli era il filtro principale della cultura e conoscenza. Essi, come gli enciclopedisti (v. Gregory), i giornalisti, i politici, iniziano ad avere molta paura di questa rete che inizia a spodestare il loro ruolo. Non mancano tuttavia tra di essi le persone illuminate, che non ci vedono come competitor assoluti, ma come risorse da sfruttare e far fruttare al meglio. Vorrei sottolineare come nella stragrande maggioranza dei relatori ci sia stata attenzione e rispetto, sia per Wikisource, sia in generale per il mondo Wiki. L'idea piace, e ho avuto molte sorprese nel sentire parlare alcune di queste persone (spesso alte cariche del mondo bibliotecario nazionale, dell'università, persino del Ministero dei Beni Culturali) del mondo wiki, dell'Open Access e dell'Open Content con cognizione di causa.
Insomma c'è tanto ancora da fare, ma bisogna pingare e lavorare più che mai su alcuni contatti. Siamo protagonisti della vita culturale di questo Paese, sono loro i primi a fartelo sentire.
Note: Avevo la metà dell'età media degli altri relatori. L'organizzatore dell'evento era un wikipediano dal 2005, con più di 1500 edit.
  • 12 dicembre', Torino, Centro Congressi Camera di Commercio in via Nino Costa, 8, ore 18, abbiamo partecipato alla conferenza/dibattito sul tema "Wikipedia, Social Networking, Sapere Aperto - A chi appartiene la conoscenza? Open Source e dintorni", organizzata da Federmanager Torino. Paginazero ci ha rappresentato; un suo breve resoconto:
I relatori della serata organizzata da Federmanager Torino erano il sottoscritto (Wikimedia Italia), Francesco Ardito (vieweb.it) e Simone Aliprandi (Copyleft Italia), presentati da Renato Cuselli (Federmanager Torino).
Nonostante il disagio di muoversi in quel giorno (dovuto alla carenza di benzina sulla rete autostradale) hanno partecipato circa un centinaio di persone nel complesso molto interessate al tema.
Io ho illustrato Wikipedia, descritto il lavoro di organizzazione che vi è sotteso e il ruolo di Wikimedia Foundation e Wikimedia Italia, descrivendo anche come il tutto si sostenesse grazie a contributi e donazioni volontarie.
Successivamente, Ardito ha presentato un'ampia e variegata carrellata sulle realtà del cosiddetto Web 2.0, ovvero di quelle esperienze di siti basati sulla condivisione e sulla partecipazione attiva dei frequentatori, descrivendo anche fenomeni collaterali a Internet (condivisione di banda e telefonia).
Infine Aliprandi ha descritto la natura del Copyleft partendo dalla storia del diritto d'autore e dalle trasformazioni che la filiera della produzione del sapere ha subito con l'affacciarsi di nuovi media.
Soddisfazione generale degli organizzatori e del pubblico hanno fatto sì che ci lasciassimo con la promessa di ripetere esperienze simili.
Piccola nota a margine, credo sia la prima volta che ad un nostro oratore viene riconosciuto un "ticket" (250 euro a titolo di rimborso spese), che ho girato all'associazione, trattenendo il costo del rabbocco di benzina che mi ha permesso di tornare a casa senza dover spingere l'auto...

Eventi dei prossimi mesi

  • 24 gennaio 2008, Trieste, Sissa: al "Master in comunicazione della scienza" si tiene una giornata sul tema dei "Mondi virtuali" (Wikipedia, Blog, Second Life, Web 2.0)
  • 21 febbraio 2008, Vicenza: serata dedicata a Wikipedia nell'ambito di un ciclo di incontri sul software libero; intervengono Xaura e Marcok. Presso Casa di Cultura Popolare, corso Palladio (ingresso cinema Odeon).
  • 9 marzo 2008 Assemblea sociale per approvare il bilancio 2007-2°semestre.
  • 15 marzo 2008, OpenCamp 2008 a Roma: WMI parteciperà alla giornata con un banchetto, qui la pagina di coordinamento.

Novità dai nostri progetti

  • Wikibooks: Superati i 3000 moduli.
  • Wikinotizie: Superati i 4800 articoli.
  • Wikipedia: Questo mese Festival della patata
  • Wikiquote: Superate le 6000 voci; il progetto italiano torna al terzo posto per numero di voci dietro a inglesi e tedeschi, davanti ai polacchi. Eletti due nuovi amministratori, Gacio e Kronin; gli amministratori sono ora 6. Stretta sull'inserimento di nuove citazioni senza fonti.
  • Wikisource: È arrivata la risposta della Wikimedia Foundation sul PD-Italia: poiché gli Stati Uniti non rispettano la "norma del tempo inferiore" della Convenzione di Berna (vedi petizione per chiederne l'applicazione), i testi in pubblico dominio in Italia ma non negli USA dovranno essere rimossi. Il problema è sorto in seguito all'aumento della durata dei diritti negli USA da 70 a 95 anni dopo la pubblicazione, contro i 70 anni dalla morte previsti dalla legge italiana. Eletto il decimo amministratore, Accurimbono. Nato il Progetto:Duecento.
  • Wikizionario: Dopo la disattivazione del caricamento locale in Wikiquote, anche il Wikizionario si affida a Commons riservando la funzione agli amministratori. Superati i 70.000 lemmi.

Novità dall'associazione

  • Domenica 9 marzo assemblea dei soci WMI a Milano (per approvare il bilancio consuntivo). I soci che intendono partecipare alla "pizzata sociale" possono iscriversi sin da ora.
  • Avvicendamento nel direttivo - Sbisolo ha deciso di rassegnare le dimissioni da membro del direttivo, causa eccessivo carico di lavoro nella "vita reale". Al suo posto è stato chiamato Piero Tasso, quale primo dei non eletti alle elezioni del settembre 2007. Piero ha accettato l'incarico.
  • DVD EXA - GVF sta provvedendo ad inviare la richiesta di ricezione fattura e pagamento.
  • Situazione sito e-commerce - Sono state realizzate le infrastrutture di base e si è provveduto a scrivere alcuni dei testi necessari al funzionamento del sito; sono ancora necessarie alcune didascalie delle foto e altri piccoli lavori. Si sollecitano i soci a collaborare attivamente.
  • Fiera del libro di Torino - Sono stati valutati i costi economici e, soprattutto, l'impegno richiesto per l'associazione. Allo stato attuale non si ritiene di riuscire a produrre un allestimento adeguato per la fiera 2008, Xaura cercherà di ottenere uno spazio nel programma culturale, ma al momento tutti i tentativi di contattare gli organizzatori non hanno avuto successo.
  • Altre fiere del libro - Inaugurata una nuova pagina della wikina (rintracciabile qui, dedicata, in modo esclusivo, alle fiere ed ai festival editoriali. Xaura sta provvedendo a contattare gli organizzatori dei vari eventi presenti sul territorio nazionale. Sono già arrivati alcuni riscontri positivi.
  • Decisioni del direttivo - I soci chiedono a gran voce che il direttivo di esprima in modo chiaro sulla gestione "anno 2008" delle risorse dell'associazione. Xaura cercherà di mettere in ordine tutte le idee sull'argomento (a partire dalle discussioni in ML) nella pagina Direttivo:Ratatuille per poi procede ad una disamina ed alla stesura di una policy unitaria.
  • Dominio wikipedia.it - Vista l'inattività dell'Avv. Monti, Paginazero ha incaricato la commissione di dare incarico ad un nuovo legale. Si sta provvedendo a contattare l'Avv. Piana.
  • Linux Club Roma - Il nostro Presidente ha scritto, a nome dell'associazione, al Linux Club romano, al fine di avere alcuni chiarimenti e per anticipare l'interesse di WMI a partecipare al progetto.

Direttive

  • A seguito della richiesta degli amministratori di Wikisource di avere uno spazio dove spostare i materiali che non possono essere pubblicati su http://it.wikisource.org (perché ancora coperti da copyright per la legislazione statunitense, benché di pubblico dominio per quella italiana), si dispone
  1. l'attivazione del dominio http://biblioteca.wikimedia.it
  2. l'installazione di MediaWiki sul server di Gvf (che già ospita alcune parti del dominio wikimedia.it), raggiungibile all'indirizzo sopracitato, di tali operazioni si occuperanno i tre tecnici ufficiali, chiedendo (se necessario) supporto a M/.
Il wiki sopra citato (di seguito definito "biblioteca digitale") verrà aperto al pubblico allo scopo di caricare testi e materiali multimediali di pubblico dominio o rilasciati con licenza libera non altrimenti ospitabili sui progetti di Wikimedia Foundation, o comunque materiali di interesse di Wikimedia Italia secondo le decisioni prese di caso in caso dal direttivo.
Essendo i contenuti di tale wiki sotto la responsabilità di WMI, gli amministratori della biblioteca digitale devono essere contemporaneamente amministratori di "it.wikisource.org" e soci di Wikimedia Italia. Costoro devono inoltre impegnarsi formalmente a non consentire alcuna violazione del diritto d'autore sul wiki e a rimuovere tempestivamente tutti i contenuti la cui violazione sia accertata o dubbia.
Almeno due membri del direttivo di Wikimedia Italia (tra cui il presidente) avranno pieno accesso a tutte le funzioni del wiki in qualità di steward o equivalente ed avranno l'ultima parola su eventuali casi di possibile violazione di copyright, nonché sulla nomina e sulla revoca degli amministratori del wiki.
La direttiva è stata votata all'unanimità.

Il wikimediano di questo numero/la foto del mese

Finalmente sei stato scoperto !!!! Sei tu il capo della crikka

Piero Tasso & la Krikka

Lettere alla redazione

  • Una breve riflessione sulle recenti modifiche alla legge sul diritto d'autore (lettera di Senpai)

In questi quasi 3 anni su wikipedia, mi sono occupato di tantissime questioni che toccavano da vicino il problema del copyright; dinanzi alla recente riforma legislativa, che ha inserito all'interno dell'art. 70 L 633/41, un nuovo comma 1 bis, mi sono, come hanno fatto molti altri, posto delle domande di carattere applicativo e pratico.

La discussione che stava andando avanti su wiki, si è purtroppo arenata davanti alla necessaria prudenza che, da sempre, guida le nostre scelte in materia di policy. Ciò nonostante ho paura che, un eventuale decreto attuativo (peraltro promesso anche da Folena) non possa, se non redatto a regola d'arte, eliminare quella marea di "dubbi interpretativi" che la nuova norma porta con se.

Su wiki ci siamo ampiamente domandati se la nostra enciclopedia potesse o meno rientrare in quel "fine didattico" che il nuovo comma richiede; la mia opinione persona è che il fine didattico di wikipedia sia sotto gli occhi di tutti, in fin dei conti quale potrebbe essere il fine ultimo di un "raccoglitore di conoscenza", se non quello di trasmetterla a chi legge ?

IMHO, il trasmettere conoscenza è qualcosa di analogo all'insegnamento e, quindi, alla didattica.

In ogni caso mi auguro che Folena si metta una mano sulla coscienza e spinga per un decreto attuativo esaustivo, sia dal punto dal punto di vista dei limiti "tecnici" della degradazione, sia da quello dei "soggetti" che possono annoverarsi nei limiti della nuova norma.

Senpai


Redazione:

  • Luca Sileni;
  • Frieda Brioschi;
  • Marco Chemello;
  • Nemo (incaricato della sezione "notizie dai nostri progetti")

per contattare la redazione scrivere a: redazione@wikimedia.it oppure ai singoli redattori:

  • Luca Sileni - wikisenpai@gmail.com
  • Frieda Brioschi - ubifrieda@gmail.com

Attenzione, questo bollettino è da considerarsi un prodotto destinato esclusivamente all’informazione aziendale sia ad uso interno sia presso il pubblico e pertanto, in ossequio al dettame del'art 1 comma 2 Legge 7 marzo 2001 n. 62, non è da considerarsi un prodotto editoriale