Wikimedia news/numero 17

Da Wikimedia Italia.
WikimediaNews - n. 17 del 2 giugno 2008
Aperiodico ufficiale di informazione dell'associazione Wikimedia Italia.


Editoriale

L'estate ormai è alle porte ma l'attività della nostra associazione non si ferma. All'orizzonte abbiamo due importanti appuntamenti a cui partecipare, il primo è il Biografilm festival bolognese che, oltre a darci la possibilità di essere presenti ad una manifestazione di portata nazionale, ci permetterà di festeggiare il 7° compleanno di Wikipedia in lingua italiana. L'altro è l'ormai consueto appuntamento con l'edizione vicentina di Festambiente. Vale la pena di ricordare a tutti i soci che, oltre alle manifestazioni sopra citate, si sta cominciando a pensare alla prossima assemblea generale di settembre, in cui verrà votato ed eletto il nuovo direttivo. Se avete location, proposte, contatti etc... fateli presenti al direttivo oppure al bar della wikina.

Luca Sileni

Eventi dell'ultimo mese

OpenMind

Spazio WMI a OpenMind
Enrico Voccia intervista Elitre

10 maggio, Cryp, Elitre e Vilgio hanno partecipato per Wikimedia Italia all'edizione 2008 di OpenMind a San Giorgio a Cremano (seminari e incontri su software libero e informatica consapevole); c'è stata una breve presentazione di Wikipedia e dei progetti fratelli e abbiamo avuto a nostra disposizione uno spazio in cui incontrare il pubblico interessato al mondo "wiki", dove anche abbiamo distribuito il nostro materiale, principalmente in formato digitale (in adesione agli obiettivi degli organizzatori che hanno cercato di limitare l'uso di carta distribuendo invece penne usb). Siamo stati anche oggetto di un paio di videointerviste, e come sempre abbiamo stabilito dei contatti per futuri incontri e collaborazioni.

Liberìa

15-17 maggio, nell'ambito delle partecipazioni alle fiere del libro sul territorio nazionale, Wikimedia Italia è stata presente all'evento cosentino Liberìa. Vedi la pagina relativa per altre informazioni e immagini.

Chapter meeting

21-25 maggio, si è svolto il meeting dei chapters territoriali di wikipedia; erano presenti membri dei board delle Wikimedia tedesca, francese, svizzera, svedese, argentina, israeliana, austriaca, polacca e olandese, il board di WMF e, per l'ufficio, Sue (ED), Kul Whadwa (business development) e Erik Moller (vice di Sue) - in totale circa 30 persone (solo 4 donne!!!).

Cose che riguardano direttamente WMI:
  • a noi (ma non solo a noi) serviva essenzialmente capire quale fosse la posizione di WMF sugli accordi commerciali relativi allo sfruttamento di marchio e logo da parte di terzi. È stata confermata la volontà di centralizzare presso WMF tutti gli accordi di questo genere - i chapter locali fungeranno da intermediari informali e verranno comunque compensati. In molti (soprattutto i tedeschi, che hanno un ufficio da mantenere) hanno sottolineato come questa scelta possa rendere WMF un pericoloso collo di bottiglia che rischia di far perdere a WMF numerose occasioni di possibili partnership. WMF vuole predisporre alcune linee guida in base alle quali i chapter possano verificare se una proposta di accordo commerciale può trovare un seguito oppure no. Tali linee guida sono attese per metà giugno;
  • diventare ONLUS (o altro) in modo da garantire la deducibilità fiscale delle offerte è una priorità, anche in previsione dei prossimi fundraising.
Questioni più generali:
  • il board di WMF verrà ampliato, creando due posizioni che verranno scelte dall'insieme dei chapter. Le modalità pratiche di come avverrà questa selezione/elezione sono oggetto di discussione, ancora non conclusa
  • s'è evidenziata la necessità di migliorare la comunicazione tra chapters e tra chapters e WMF. Il risultato della discussione su questo tema è l'invito ai chapters a produrre un report mensile delle loro attività. Il nostro Wikimedia News va bene, si tratta "solo" di produrne anche una versione in inglese;
  • ci saranno due eventi di fundraising online - uno estivo, condotto principalmente via e-mail (non si sa bene come si potrà evitare una denuncia per spam, ma non sono stati dati troppi dettagli in merito) e uno a fine anno (ottobre-gennaio) con le modalità usuali. Con molta probabilità i chapter potranno stipulare un accordo con WMF per poter raccogliere le donazioni direttamente durante il fundraising invernale, versandone poi la metà a WMF;
  • complimenti vari per i nostri gadgets.

Eventi del prossimo mese

  • 25-29 giugno - Festambiente Vicenza: come ogni anno saremo presenti all'edizione vicentina di Festambiente. Per adesioni ed informazioni consultare la pagina "raduno" su Wikipedia.

Novità dai nostri progetti

Novità dai progetti WMF

  • Wikibooks: Si discute la proposta (accolta favorevolmente) di tradurre il nome del progetto in Wikilibri, e due proposte per rilanciare il progetto evitando l'abbandono dei libri.
  • Wikinotizie: Raggiunti i 5 500 articoli.
  • Wikipedia: Rivoluzionata la pagina ottenute Wikipedia:Autorizzazioni ottenute, serve aiuto per verificare quelle sprovviste di ticket OTRS e per allineare quelle delle immagini all'EDP. Sta per partire il sondaggio che dovrebbe risolvere le incertezze sulla nomenclatura delle voci sui santi.
  • Wikiquote: Si discute una proposta per aumentare l'integrazione con Wikisource aumentando i collegamenti diretti. Emergono dubbi sull'applicabilità del diritto di citazione nel caso di note a piè di pagina e affini.
  • Wikisource: Il problema dei diritti di trascrizione continua a suscitare dubbi, in mancanza di un'interpretazione giuridica univoca e di una risposta dalla WMF: uno, due e tre.
  • Wikiversità: Raggiunte le 5 100 pagine complessive.
  • Wikizionario: Raggiunti gli 83 000 lemmi.

Novità da W@H

Il progetto prevede almeno una pubblicazione prima della pausa estiva: nel frattempo il team Wiki@Home si riunirà per decidere un premio alla migliore intervista di questo anno associativo. Maggiori dettagli nel prossimo numero.

Novità da Wikiafrica

Wikiafrica ha partecipato quest'anno per la prima volta alla Biennale di Dakar <http://it.wikipedia.org/wiki/Biennale_di_Dakar>. Tania Gianesin di Lettera27 racconta l'esperienza: "Eccoci a Dakar, Elio ed io, molto incuriositi ed altrettanto disorientati, come sempre accade per tutte le cose che iniziano e che devono ancora prendere forma.
Siamo stati invitati da Ker Thiossane <http://www.ker-thiossane.com/>, una villa familiare trasformata in Associazione per l’arte e il multimediale – a presentare il programma WikiAfrica Arte <http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Progetto_WikiAfrica_/Arte>.
Facciamo parte del programma di Afropixel <http://www.ker-thiossane.com/article.php3?id_article=548>, Première édition du festival autour des logiciels libres en lien avec les pratiques artistiques et citoyennes en Afrique. Il contesto è perfetto, il programma articolato e ricco di iniziative: Bricolabs, workshop sull’arte multimediale e i software liberi; esposizione di opere nel contesto di Dak’Art Off <http://www.dakart.org/>; performance artistiche live al mercato di N’Gellaw à Niari Tally <http://www.ker-thiossane.com/article.php3?id_article=551> e a Ker Thiossane; intrecci continui con artisti, curatori, gallerie, associazioni, registi e svariate altre figure – professionisti, amatori, curiosi.. una bella miscellanea di mondi, idee, persone.
Arriva il nostro turno: WikiAfrica Arte. Siamo in cortile, il clima è piacevole e informale, circondati da un pubblico davvero eterogeneo. Siamo venuti a presentare il progetto, ma soprattutto a lanciare domande, 5 in particolare:

  1. un'opera d'arte per Wikipedia: un'opera libera?
  2. Quale opera per un sito online?
  3. Quale arte su Internet?
  4. Quale libertà per l'arte?
  5. La rete WikiAfrica: specchio dell'arte e dell'Africa?

Per enfatizzare le nostre intenzioni, le domande sono state stampate su pannelli e appese al tendalino che ci ripara. Così, guardandosi attorno, in tutto il perimetro, non si dimentica qual è la questione: Wikipedia, WikiAfrica, Quelle oevre sur le Net?
Wikimedia è nostro partner in quest’avventura iniziata nel 2006 e piano piano stiamo entrando nel cuore della questione. Ci stiamo appassionando ma, soprattutto, stiamo imparando.
Al tavolo con noi: Marion Louisgrand, coordinatrice di Ker Thiossane e padrona di casa assieme al marito Francois Momar Sylla; Ame Thiam, informatico del Ministero della Cultura di Dakar e conoscitore di Wikipedia; Kahdre Kebe, che traduce testi per Wikipedia in Wolof – la lingua locale (testi di filosofia, fisica, religione... dichiara di non sapere nulla di arte, ma è chiaro che il suo lavoro è prezioso perché divulga contenuti nella sua lingua e quindi contribuisce all’accesso ai saperi). Così ci presentiamo, tutti: lettera27 <http://www.lettera27.org/>, Ker Thiossane, WikiAfrica, dichiariamo ruoli e intenzioni. Chiediamo pareri, ascoltiamo – soprattutto. Perché è questa la nostra missione: ascoltare e sostenere realtà e progetti in Africa che operino sul territorio, che sostengano l’alfabetizzazione, l’educazione, in una parola l’accesso ai saperi – in qualunque sua forma, sia essa la letteratura orale, l’arte, la musica, l’espressione personale e collettiva.
Non abbiamo risposte precostituite, e questo disorienta i nostri interlocutori, che quindi iniziano a confrontarsi tra loro, dibattono, dialogano... pare che la Palabre sia in atto, finalmente davanti ai nostri occhi. Un’agorà nel suo significato più prossimo. C’è chi protesta, chi incita, chi vuole risposte politiche, chi spezza una lancia perentoria: “insomma è da tutta la vita che aspettiamo un’opportunità simile, ora c’è�? e mette subito la sua opera su Wikimedia Commons <http://commons.wikimedia.org/wiki/Main_Page> – così su due piedi – per ribadire con l’azione il concetto. Lui è Armin Kane, un artista già affermato – lui è stato scelto per la Biennale Inn. È un pittore ma per la Biennale ha fatto un video molto apprezzato: la vita quotidiana a Dakar, quasi un fumetto, arte digitale, suoni di strada... bello, vero.
Così come due ragazzi di Bricolabs - Abdel Kader Diakhate e Omar N'doye - ci consegnano due taccuini Moleskine <http://www.moleskine.com/> già realizzati, con la loro storia e il loro messaggio. Vogliono partecipare a Detour <http://detour.moleskine.com/> e sono molto determinati. Vogliono essere visti, ascoltati, ma, soprattutto vogliono “partecipare�?, “condividere�?, “relazionarsi�?, “contribuire�?. Parola chiave per Wikipedia, così come per WikiAfrica <http://www.wikiafrica.it/>, che vuole soprattutto essere questo: un luogo di incontro, di scambio e di relazioni perché l’informazione, il sapere, la conoscenza circolino, si muovano, arrivino, inseminino. Ecco, abbiamo piantato un seme a Dakar ed ora proseguiamo la nostra missione in altri luoghi africani – a Cape Town in primis, dove saremo dal 14 al 17 giugno, ospiti e sostenitori del progetto Chimurenga Library <http://www.chimurenga.co.za/index1.html> alla Fiera del Libro <http://www.capetownbookfair.com/>. E poi, chi lo sa, magari in Costa d'Avorio, in Mali – dove ci hanno già invitato e ancora altrove – dove arriveranno le spore della pianta che, speriamo, nel frattempo, sarà cresciuta a Dakar."

Il wikimediano di questo numero/la foto del mese

Visto che festambiente è ormai alle porte, rispolveriamo una foto storica dell'evento....:

...l'ormai classico "Wikigavettone"

Redazione:

  • Luca Sileni;
  • Frieda Brioschi;
  • Marco Chemello;
  • Nemo (incaricato della sezione "notizie dai nostri progetti")
  • Aubrey (incaricato della sezione "notizie da Biblioteca")
  • DracoRoboter ed Elitre (incaricati della sezione "notizie da W@H")

per contattare la redazione scrivere a: redazione@wikimedia.it oppure ai singoli redattori:

  • Luca Sileni - wikisenpai@gmail.com
  • Frieda Brioschi - ubifrieda@gmail.com

Attenzione, questo bollettino è da considerarsi un prodotto destinato esclusivamente all’informazione aziendale sia ad uso interno sia presso il pubblico e pertanto, in ossequio al dettame del'art 1 comma 2 Legge 7 marzo 2001 n. 62, non è da considerarsi un prodotto editoriale