Idee da Wiki*/Tutte

Da Wikimedia Italia.

Valepert

Proposta da Valepert il 04/09/2010 10.57:

Creare dei libri, sfruttando l'apposita estensione Collection, su alcune voci in vetrina o volumi tematici (anche semplici almanacchi, con informazioni di pubblico dominio come ad esempio risultati sportivi o elezioni) e mostrarli in occasione di manifestazioni pubbliche (in occasioni quali il Linux Day o in altri festival dedicati alla cultura) per incentivare l'utilizzo di Wikipedia (e degli altri progetti Wikimedia) anche a chi ha più confidenza con la carta stampata e meno con le nuove tecnologie.

Ulteriori risorse

  • Qui potete trovare un PDF con una spiegazione più estesa dell'idea fatta dal suo proponente (scarica)
  • Qui potete trovare un PDF con una breve presentazione dell'idea fatta dal suo proponente (scarica)

Risposta di WMI

L'idea è certamente interessante ed è stata spesso discussa all'interno dell'associazione, non solo nell'ottica di presentazioni limitate nel tempo di alcune copie durante gli eventi pubblici cui partecipa WMI, ma soprattutto attraverso il potenziamento dell'estensione libri e l'aumento della produzione di libri cartacei ed elettronici con contenuti dei progetti Wikimedia, attraverso collaborazioni con PediaPress le cui modalità stiamo esplorando in questi mesi.

Aushulz

Proposta da Aushulz il 05/09/2010 2:18:05:

Spronare gli utenti dei progetti Wikimedia a inserire un commento (si spera positivo) nei siti (forum, blog, facebook, ecc.) in cui viene segnalato Wikizionario o strumenti per Wikizionario, ad esempio: [1], [2], [3], [4]. Si potrebbero inoltre creare dei forum, blog, gruppi facebook o altri siti esterni dove parlare del Wikizionario e incentivare a contribuirvi.

Risposta di WMI

L'attività è certamente utile e alla portata di qualunque utente attivo del Wikizionario ed è già stata sperimentata in passato da Wikibooks con un blog apposito e recentemente da Wikiquote con un profilo e gruppo aNobii. L'associazione ritiene necessario un maggiore investimento sul Wikizionario per renderlo una risorsa utile e usata, probabilmente mediante collaborazioni con altri enti.

Silvio Gallio

Proposta da Silvio Gallio il 05/09/2010 11:46:57:

x Source è possibile che qualcuno di capace e informato prepari del materiale (presentazione PP o filmato dvd (con o senza sonoro o simile) da utilizzare in "conferenze" belle varie scuole superiori. Nel contempo si può chiedere materiale cartaceo Vecchi libri, vecchi giornali riviste bla bla da scansionare e wikisourciare. Gli antichi licei e le scuole tecniche di antica data dovrebbero avere grande copia di copie :P. I virgulti impegnati nella faccenda potrebbero ottenere dei "bonus" o come si chiamano adesso.

Risposta di WMI

WMI sta producendo un video su Wikisource per promuoverlo. Probabilmente il ruolo di Wikisource sarà più nella trascrizione di scansioni esistenti che nella produzione di nuove scansioni di documenti non digitalizzati; WMI è molto attenta all'esempio di fr.source e WM-FR che hanno stretto colla BNF una collaborazione probabilmente replicabile anche in Italia ma dall'esito incerto; accordi con università per avere "manodopera" da impiegare nelle trascrizioni sono estremamente difficili ma teoricamente possibili (e sono già stati realizzati in altri paesi), quindi WMI senz'altro disponibile a proposte concrete in tal senso.

Alex brollo

Proposta da Alex brollo il 09/09/2010 16:18:48:

Prendere l'iniziativa di promuovere un rapporto di collaborazione ufficiale, agendo come intermediario terzo, fra it.wikisource e Internet Archive. Quello che dà Internet Archive, o meglio, quello che it.source e molti altri progetti source prendono da IA: le immagini dei file multipagina (pdf, djvu) e i file di testo derivati (full text, text layer dei file djvu, file djvu.xml). Quello che wikisource mette a disposizione: revisione e correzione "umana" dei testi OCR provenienti da IA, che potrebbero essere ufficialmente messi a disposizione di IA perchè vengano incorporati in forma corretta nei file txt e nei layer txt. Entrambi i flussi informativi avvengono, o potrebbero stare avvenendo, già ora: non si tratta di crearne di nuovi con impegni che sono difficili da mantenere. Si tratta solo di prendere atto di ciò che già oggi avviene, e di rendere la cosa palese.

Risposta di WMI

Un simile accordo è probabilmente di competenza della WMF ma è giudicato interessante; cfr. la risposta a Silvio Gallio.

Sumail

Proposta da Sumail il 09/09/2010 22:20:42:

Si potrebbero creare dei video che illustrino i concetti già contenuti nelle pagine, delle specie di micro-documentari (io li vedo bene per le pagine di fisica, matematica o biologia), adatti a illustrare i contenuti in una forma più semplice e leggera per chi non mastica l'argomento e soprattutto per gli studenti, che insieme agli insegnanti potrebbero anche creare nuovi video su un argomento trattato in classe.

Risposta di WMI

L'attività si presta poco a essere svolta da professionisti per i costi che comporterebbe; è probabilmente qualcosa che potrà accadere collaborativamente in Commons quando sarà finalmente disponibile l'estensione che vuole rendere "wiki" anche i video, che auspicabilmente sarà utile anche ad attirare una nuova comunità di appassionati alla creazione di video che collabori cogli utenti "tradizionali" più rivolti ai contenuti testuali.

Tom9

Proposta da Tom9 il 09/09/2010 23:10:07:

Integrare e realizzare il prima possibile il moderno concetto di web semantico su Wikipedia
Dare a Wikipedia una maggiore dimensione nel marketing:
  1. promuovendo campagne (ad esempio "against ignorance") attraverso l'uso di mini applicazioni-giochi flash che stimolino l'utente.
  2. indicendo dei concorsi riguardanti gli utenti che contribuiscono maggiormente alla realizzazione delle voci,(che può essere un concorso che miri ad espandere le voci "abozzo" così da completarle, o semplicemente un concorso quantitativo basato sulla quantità di voci riportate nel sito)
  3. Cambiare occasionalmente il logo di Wikipedia durante significative ricorrenze.

Risposta di WMI

  1. Lo sviluppo dell'estensione SematicMediaWiki è seguito dalla Wikimedia Foundation.
  2. La proposta è di difficile realizzabilità; il tema dei giochi è stato esplorato spesso senza conclusioni definitive, cfr. ad esempio m:strategy:Proposal:Wiki-Games.
  3. I concorsi sono già stati realizzati, vedi premio Wikimedia Italia 2009; esistono inoltre i festival della qualità organizzati dalla comunità.
  4. Ciò può essere fatto con estrema cautela dalla comunità di Wikipedia.

Rodidon

Proposta da Rodidon il 10/09/2010 11:06:37:

Promuovere wikipedia nelle scuole come strumento per studiare. Il manuale scolastico è in crisi per il suo costo e per la natura rigidità rispetto alla flessibilità del digitale. E' possibile proporre ai docenti di creare il proprio manuale selezionando (ed eventualmente stampando) parti di wikipedia? Io penso che si! Sarebbe un manuale senza apparato didattico, ma questa parte la potrebbe aggiungere il docente: fa parte della sua professionalità indicare cosa fare con le conoscenze. Si potrebbe anche pensare ad un progetto parallelo per raccogliere apparati didattici da applicare alle voci di wikipedia.

Risposta di WMI

La proposta è estremamente interessante; da anni WMI studia, propone e tenta collaborazioni col mondo della scuola, e quella di creare uno spazio di creazione di materiali didattici in uno spazio wiki apposito o in Wikibooks è un'idea avanzata da tempo che si scontra colla difficoltà tecnica e organizzativa di far collaborare molti docenti insieme e di bilanciare la disponibilità dei contenuti e la partecipazione pubblica (wiki) colla semplicità e usabilità del sistema, come dimostrato dal progetto Matematicamente. A un livello di base, è già possibile per tutti creare il proprio libro a partire dalle pagine dei progetti Wikimedia usando l'estensione Libri, che esporta anche in formati modificabili dall'utente in qualsiasi programma di videoscrittura.

Joe123

Proposta da Joe123 il 10/09/2010 14:39:21:

Ritengo che vari siano i possibili ambiti ideali per promuovere Wikipedia:
  1. gli ambienti di studio e universitari potrebbero più che sfruttare il lavoro dei Wp, collaborare ai vari progetti al fine di migliorarli; in questo senso bisognerebbe sensibilizzare maggiormente gli insegnanti oltre agli allievi, evidenziando che i lavori di gruppo di Wp sono un buon banco di prova per le attitudini lavorative dell'individuo.
  2. le manifestazioni culturali, artistiche e scientifiche (musei, mostre, conferenze, dibattiti, etc.) potrebbero essere il trampolino di lancio per Wp, grazie all'ausilio di documenti, video, cartelloni informativi, etc. da mostrare ai partecipanti a questi eventi.
  3. gli organi di comunicazione, laddove sia possibile e non oneroso, potrebbero svolgere un effetto volano.
  4. gli ambienti tecnologici dovrebbero essere utilizzati come aggancio per diffondere la conoscenza delle iniziative di Wp.

Risposta di WMI

Uno dei compiti di Wikimedia Italia è favorire una informazione corretta e promuovere la filosofia aperta alla base di questi progetti.
Collaborazioni del primo tipo sono da tempo perseguite da Wikimedia Italia; anche quelle del secondo tipo sono da sempre un'ottima occasione per far conoscere Wikipedia, infatti Wikimedia Italia ha sempre partecipato a eventi esterni (Linux Day, Festambiente, ecc.) o organizzato eventi propri in questa direzioni. Tuttavia questo tipo di partecipazione richiede un grande impegno da parte dei soci: ovviamente è possibile iscriversi a Wikimedia Italia se si vuole dare una mano.
Quanto agli ultimi due ambienti, possiamo dire che sia il mondo della tecnologia che quello della comunicazione di massa (giornali, riviste, ecc.) si occupano spesso di Wikipedia e degli altri progetti della Wikimedia Foundation.

Marko86

Proposta da Marko86 il 10/09/2010 16:33:01:

Sarebbe molto utile dare la possibilità di scegliere fra diversi livelli di approfondimento, in modo da dare a tutti la possibilità di leggere (e comprendere) certe voci molto ampie. Ad esempio si potrebbero avere tre versioni di una voce: elementare, medio e completo. Quindi una voce molto ampia come la nostra Sole, potrebbe avere una versione "elementare" che contiene solo le informazioni principali, utile per chi vuole farsi una veloce idea sull'argomento, o per ragazzi delle elementari/medie, una versione "media" che contiene maggiori informazioni, diciamo indirizzata per studenti delle scuole superiori, e la versione completa che contiene tutte le possibili informazioni sull'argomento. Per semplificare ulteriormente si potrebbero usare solo due versioni: elementare e completa.

Risposta di WMI

La proposta va sottoposta alla comunità di Wikipedia, che ha spesso discusso la possibilità di linee guida e strutture in tal senso; si consulti ad esempio questa pagina (in inglese) di http://strategy.wikimedia.org/ , wiki del progetto di pianificazione strategica promosso dalla Wikimedia Foundation per raccogliere proposte e definire gli obiettivi del movimento Wikimedia in collaborazione con la comunità.

Wikimedia Italia non vuole e non può intervenire in scelte che riguardino i contenuti o la "linea editoriale" di Wikipedia e dei progetti fratelli (sui quali non esercita alcun controllo), che è stabilita collaborativamente dai partecipanti ai progetti stessi (infatti non esiste una redazione). Solo partecipando ai progetti è possibile contribuire alle scelte fatte all'interno dei progetti stessi.

Maria Grazia

Proposta da Maria Grazia il 11/09/2010 13:04:01:

non so quanto la pubblicità tradizionale possa incidere sulla partecipazione attiva ed incrementare l'utilizzo. penso che sia più efficace il passa parola tra wikipediani ed utilizzatori. apprezzo in modo particolare l'accuratezza della presentazion grafica e dei contenuti delle schede, come le voci tanto differenziate da essere utili ad una utenza tanto vasta da poter comprendere le più varie fasce di età e cultura. maria grazia miccheli

Risposta di WMI

Al momento non abbiamo una posizione sull'utilità della pubblicità tradizionale per incentivare la collaborazione, non avendo mai considerato questa ipotesi. Cercare di promuovere i progetti della Wikimedia Foundation in tutta Italia è uno degli scopi di Wikimedia Italia e nuove proposte per raggiungere questo difficile obiettivo sono sempre le benvenute.

Peccu89

Proposta da Peccu89 il 11/09/2010 18:39:11:

sarebbe bene promuovere wikipedia con dei gadget per blog siti o quant'altro che informazioni su qualsiasi argomento uno alla volta scelto a caso come per imparare al lettore qualcosa di nuovo...come esempio il programma televisivo "sai perché?" però tramite gadget su internet. questo potrebbe espandersi anche a di dire nelle varie lingue per imparare ad usare in maniera più completa le lingue

Risposta di WMI

La proposta ci appare più adatta per i progetti fratelli, che sono meno conosciuti. Wikimedia Italia potrebbe eventualmente sponsorizzare lo sviluppo di alcuni strumenti tecnici che si rivelassero necessari per facilitare la realizzazione del progetto da parte della comunità; si veda anche la risposta ad Aushulz.

MaxBasile

Proposta da MaxBasile il 11/09/2010 23:18:01:

COLLABORAZIONE ATTIVA CON LE TESTATE GIORNALISTICHE - Una funzione di inserimento automatico delle notizie attraverso un indicizzazione degli argomenti/soggetti. Per esempio, se un parlamentare noto oggi decide di lasciare il partito e fondarne un'altro, questa informazione "storica" diventerà storia per quel soggetto, e WP potrebbe raccogliere l'informazione. La funzione potrebbe essere messa a disposizione dei giornalisti, che amplificherebbero la notizia sui vari motori di ricerca, acquisendo maggiore interesse e notorietà. Dei rimandi ai link ufficiali sulle testate, potrebbe alimentare una collaborazione attiva tra WP e i giornalisti, con un x contributo derivante dai banner in quel momento pubblicizzati a lato della notizia. Esempio: 0,001 €cent x 1 mln di click porterebbe nelle casse di WP 1000€ di introiti. Inoltre WP diventerebbe archivio storico delle notizie, delle testate, e dei giornalisti, in un periodo di sviluppo e cambiamento nel fare giornalismo e nella fruizione delle notizie da parte degli utenti. Essendo giornalista, potrei seguire il progetto e inserire la realtà di WP nelle redazioni nazionali ed estere.

Risposta di WMI

Wikimedia Italia non vuole e non può intervenire in scelte che riguardino i contenuti o la "linea editoriale" di Wikipedia e dei progetti fratelli (sui quali non esercita alcun controllo), che è stabilita collaborativamente dai partecipanti ai progetti stessi (infatti non esiste una redazione). Solo partecipando ai progetti è possibile contribuire alle scelte fatte all'interno dei progetti stessi.

Ricordiamo tuttavia che Wikipedia non è un archivio di documenti, e non sono accettati materiali in licenza non libera. Inoltre la comunità dei progetti ha sempre rifiutato la pubblicità come mezzo di finanziamento in quanto difficilmente conciliabile con indipendenza e neutralità.

Gardanus

Proposta da Gardanus il 12/09/2010 17:32:02:

Questo è un suggerimento che già pratico da anni nella mia attività di docente (Settore Alta Formazione Artistica e Musicale - Conservatorio di Musica di Fermo). Praticamente svolgo dei corsi il cui prodotto finale è un articolo (scritto ex novo oppure fortemente migliorato da uno stub preesistente) di Wikipedia. Lo studente è libero di scegliere all'interno degli articoli inerenti alla disciplina in cui deve dare l'esame, e, per facilitare il compito, fornisco io stesso una lista di voci che mancano o che sono da integrare copiosamente. A questo punto lo studente scrive l'articolo rispettando tutte le regole di Wikipedia. Durante il corso io assisto gli studenti nella progettazione della voce, nel controllo delle citazioni e della correttezza scientifica ed altro. Al termine la voce, se di buona qualità, viene pubblicata e il voto d'esame viene attribuito su tale lavoro già in linea. Per gli studenti questo tipo di approccio è estremamente motivante: non lavorano solo per un oscuro esame ma tutte le loro fatiche vengono coronate da una pubblicazione e da una utilità universale del loro elaborato. Quello che propongo è di sensibilizzare (o aprire istituzionalmente contatti con) università e istituti AFAM per proporre questo tipo di approccio, che entusiasma gli studenti e che arricchisce, contemporaneamente, l'umanità. Comunque questo è un progetto che già svolgo da tempo e nel quale sto già coinvolgendo altri colleghi, soprattutto storici e filologi

Risposta di WMI

L'idea e l'esperienza del proponente sono estremamente interessanti; WMI invita il proponente a illustrare la propria esperienza e non vede l'ora di collaborare a diffonderla e svilupparla; è infatti un obiettivo che l'associazione persegue fin dalla sua nascita.

mr.romanpearce

Proposta il 13/09/2010 3:04:18:

Personalmente ritengo che bisognerebbe lavorare di più a livello istituzionale, nelle scuole e nelle università, promuovendo l'utilizzo e la partecipazione attiva a Wiki. Inoltre si dovrebbe creare, nelle varie pagine, una zona di più facile comprensione dove l'argomento viene trattato con un linguaggio e una forma meno tecnici, così da permettere a chiunque di informarsi e capire un determinato argomento. Per i ragazzi si potrebbero creare applicazioni che stimolino il cervello istruendo allo stesso tempo e sopratutto si dovrebbe lavorare sui social network o creando forum e blog dedicati a Wikimedia. Infine si dovrebbe attingere da biblioteche o archivi, a tutta una serie di documenti, trattati ma anche giornali e periodici, magari inserendo copie scannerizzate, così da poter un quadro completo del periodo storico o dell'argomento trattato.

Risposta di WMI

Si vedano le risposte ad Aushulz, Silvio Gallio, Marko86, Peccu89, Rodidon e Gardanus.

Guerriero Della Luce

Proposta da Guerriero Della Luce il 13/09/2010 19:59:56:

Introdurre nelle scuole superiori e nelle università sviluppo e traduzione di nuovi lemmi come esercizi scolastici. Contattando presidi, consigli d'istituto, provveditorato, ministero... ecc.

Risposta di WMI

È qualcosa che WMI fa, in piccolo, da anni: si vedano le risposte a Rodidon e Gardanus.

Luisius

Proposta da Luisius il 14/09/2010 17:21:44:

creare la pagina del giorno da poter completare sinergicamente. La pagina dovrebbe essere postata anche su i social network più famosi, in modo da rendere quotidiana o quasi "obbligatoria" la partecipazione a tale costruzione. Inoltre, ciò avvicinerebbe molti utenti al mondo dell'enciclopedia libera e al suo spesso ignoto funzionamento (ahimé!).

Risposta di WMI

Si veda la risposta a Peccu89.

Pozzz

Proposta da Pozzz il 14/09/2010 17:47:53:

una sezione sulla botanica, libera, completamente aggiornabile e ampliabile da altri utenti, ovviamente moderata a dovere con una funzionalità speciale di riconoscimento fotografico intelligente: uploado una fotografia di un dettaglio vegetale (una foglia, un fiore, una corteccia ecc) e automaticamente il motore di ricerca individua nel database di piante conosciute il genere, la specie e magari anche la varietà della pianta in questione, con i relativi dettagli e bla bla...

Risposta di WMI

La sezione in questione esiste ed è il Progetto:Forme di vita di Wikipedia, mentre per la classificazione esiste Wikispecies e per le immagini Commons:. La funzionalità di riconoscimento automatico proposta appare tecnicamente di implementazione estremamente difficile se non impossibile, mentre l'organizzazione di Wikispecies in modi tali da facilitare il riconoscimento delle varie specie dalle loro caratteristiche peculiari è una proposta da presentare alla comunità e che certamente gli interessati potranno realizzare direttamente nel wiki.

LBRC

Proposta da LBRC il 14/09/2010 19:47:21:

Buondì a tutti, vorrei che gli artgiani, dei mestieri che scompaiono, tipo Calzolai, e mille altri, possano dedicare la loro esperienza a chi sia interessato, ci sono tanti giovani con aspettative di "fare qualcosa con le mie mani". Vorrei che chi può, offra la sua esperienza a tutti. Dovrà poi essere fatta una grande raccolta dati, smistasta e resa diponibile anche in formato pdf o dejavu. Credo sia un immane lavoro, ma su questo pianeta siamo in tanti, ed altrettanto ci sono persone che cercano. Non gettiamo le esperienze! Vorrei una sezione di Wiki tipo MANUALI PER TUTTO E TUTTI

Risposta di WMI

La proposta è molto originale e di grande interesse. WMI è molto attenta alla possibilità di collaborare con quelle istituzioni che detengono un sapere che potrebbe essere condiviso collaborativamente in rete; finora ci si è concentrati prevalentemente sulla scuola e l'università, si vedano le risposte a Rodidon e Gardanus. La possibilità di coinvolgere gli artigiani dovrà certamente essere considerata con maggiore attenzione, ma oltre alle difficoltà organizzative e tecnica già esposte appare complicata dalla più difficile accessibilità di questo settore; sarebbe quindi apprezzato un aiuto a entrare in contatto con esso per conoscersi meglio. Non si dimentichi, in ogni caso, che esiste già un progetto della Wikimedia Foundation pensato per la creazione di manuali Wikibooks.

Lam

Proposta da Lam il 15/09/2010 13:03:19:

Sono un utente di Wikipedia non molto attivo per colpa mia. Non ho la pazienza di scorrere tutte le regole che sono necessarie per scrivere bene una voce (e di voci ne avrei da mettere tante). Propongo la possibilità di tenere dei corsi di un ora, oppure di mezza giornata, oppure di un giorno intero, da tenere in varie città italiane, dopo una adeguata pubblicità sul sito e raccolte le adesioni necessarie. Ad esempio si potrebbe pubblicizzare una lezione sull'uso di wikipedia a Cinisello il giorno XX, presso l'indirizzo yy , tenuto da ZZ (anche a pagamento se necessario). Il risultato sarebbe l'aumento del numero di chi scrive bene su wikipedia, con esso aumenta il numero delle voci e la sua qualità, di riflesso aumenterebbe la reputazione dell'enciclopedia che a sua volta ...

Risposta di WMI

WMI si occupa da sempre di questo, come è possibile notare scorrendo il nostro diario di bordo; non si è mai invece pensato di organizzare delle vere "stagioni" di corsi tenuti sistematicamente in luoghi diversi, per via della difficoltà non solo organizzativa ma anche di pubblicizzazione e raccolta di sufficienti adesioni, ma potrebbe diventare possibile grazie ad alcuni miglioramenti della piattaforma MediaWiki che rendono possibile indirizzare messaggi a utenti di una specifica zona.

Guig32

Proposta da Guig32 il 15/09/2010 16:17:56:

si devono localizzare server e risorse per la scuola pubblica e l'università cominciando dal contatto con i professori più illuminati per dargli aiuto e rafforzare i loro piccoli server rivolti ai programmi degli studenti. E' un modo di favorire la cultura globale, aiutare la scuola pubblica ed i professori che spesso perchè più innamorati e dediti vengono affossati dai colleghi. Con il trashware favorire la raccolta e la distribuzione gratuita di webcam ed applicativi anche open source per l'interscambio tra scuole ed università e mondo del lavoro organizzando sessioni istruttive in teleconferenza. in generale wikipedia ad un attento sguardo può già sostituirsi ai vetusti programmi scolastici italiani perchè frutto di molteplici contributi, ma se lavora su questo in modo approfondito potrà esprimere tutta la sua potenza oltre il web.

Proposta il 17/09/2010 12:35:24:

Attualmente wikipedia dimostra come è possibile sostituire la mole di libri che i studenti di tutti i gradi portano sulle spalle in italia. Perciò l'adozione di netbook economici agli studenti oltre ad avere il valore aggiunto di un computer è la possibilità di avere libri digitalizzati sul modello di wikipedia ma portati ai programmi ministeriali per chiedere in seguito un riconoscimento di parificazione statale. Visto il costo dei libri per lo studio con un accordo per fornire netbook con le case produttrici è possibile spendere il 30% di quello che si spende per libri e quaderni oggi ed avere in mano un oggetto tecnologico come un computer che permette molto di più di un libro od un quaderno.
La connessione centralizzata in una classe tramite un router wireless con una semplice chiavetta per connessioni singole smistata dal router evita il problema dei cablaggi. Mettendo in rete la classe via wireless, con ovviamente un file server centralizzato di condivisione dati e con funzioni di proxy sul filtraggio dei siti. Una stampante di rete centralizzata per stampare pagine di libri, perchè alcune cose vanno affrontate per un migliore apprendimento su carta. Si può usare software libero per le infrastrutture server e implementare SAMBA per lasciare la scelta ai studenti su che sistema operativo usare. Per collegamenti esterni ed integrativi al programma: come e-learning di approfondimento, es: studiamo a scuola l'atomo, parliamone in classe poi dal vivo con un ricercatore che quotidianamente fa questo lavoro. Ovviamente l'esempio sopracitato è applicabile a moltissime discipline di studio. Wikipedia può realizzare per incominciare già un database video dei programmi della scuola riveduti ed ampliati con la collaborazione di insegnanti volontari, se è troppo burocratico coinvolgere il ministero che muore nella burocrazia. Fare un test con alcune discipline, sarebbe come replicare se lo conoscete Consorzio nettuno trasmissione notturna su rai 3 ma molto più ampliato e migliorato ed esteso a tutti i gradi di istruzione. Se il sistema funziona nei fatti pratici: professori che insegnano, anche con dimostrazioni pratiche e collegamenti con addetti ai lavori non solo si fa lavoro di formazione di qualità per chiunque ne abbia voglia e tempo ma anche e sopratutto di appoggio sostanziale ai ragazzi che studiano. Oltre al valore formativo maggiore si ha anche un valore non trascurabile di orientamento alle scelte di uno studente nella vita perchè parlare, fare e vedere anche con addetti ai lavori insegna cosa si va a fare e quindi se veramente è la propria strada. Insomma bisogna unire lo studio teorico ad implementazioni pratiche reali del mondo del lavoro di domani solo così si rende un grandissimo servizio al paese ed alla cultura. E' inevitabile che l'attuazione pratica di questo metodo troverebbe tantissimi insegnanti interessati a contribuire chiaramente i più illuminati che magari gia collaborano oggi su wikipedia. Inoltre questo sistema è talmente potente per le implicazioni rivoluzionarie che porta con se, dimostrando praticamente nei fatti, che il metodo è valido che la società e la politica non potranno trascurarlo. Perciò se volete possiamo ampliare il concetto, su cui vi invito a riflettere seriamente agli aspetti che tocca:
  • Ecologia meno carta per i libri
  • Salute meno pesi per gli studenti
  • Economia meno spesa per libri che poi rimarrano là inutilizzati.
  • Semplificazione delle procedure di studio.
  • Avvicinamento tra generazioni parlando ai ragazzi nel loro mondo di computer ed internet.
  • Forte impulso che verrà dato dai professori che parteciperanno in questo programma.
  • Formazione di qualità
  • Orientamento che a pieno titolo entrs nei programmi fin dal primo giorno di scuola e non alla fine quando non si sa affatto di cosa si parla per fare un scelta opportuna.
  • Essere parte di una rivoluzione culturale che non ha precedenti per la mole e le dimensioni che può assumere.
Spero di essere stato chiaro
Guido Giovannini

Risposta di WMI

La proposta, per quanto riguarda gli aspetti tecnici hardware e software, appare esulare dall'oggetto sociale dell'associazione. Per quanto riguarda la collaborazione colle scuole si vedano le risposte a Rodidon e Gardanus; per i video la risposta a Sumail.

Lukyred

Proposta da Lukyred il 15/09/2010 17:13:23:

Innanzitutto credo che Wikipedia, in quanto LIBERO STRUMENTO D'INFORMAZIONE, debba rimanere tale, come del resto tutti quegli strumenti che sono fonte di informazione e sapere. Personalmento apprezzo molto la sua schematicità e lapossibilità, in tempo reale, di aggiornare costantemente le voci in essa contenute.Ritengo che, l'azione principale di Wilkimedia debba essere quella di diffondere questo importante strumento di sapere, in tutte le scuole di ogni ordine e grado, rendendo attiva la partecipazione degli stessi studenti, alla realizzazione di un progetto di massa a livello mondiale che sappia favorire, allo stesso tempo, un interscambio culturale e mediatico a 360°. Questa è solo un piccolo suggerimento. Un piccolo contributo a questo grande progetto.
Cordialmente, Gianluca

Risposta di WMI

WMI da sempre persegue e svolge collaborazioni colla scuola; si vedano le risposte a Rodidon e Gardanus.

Fra100

Proposta da Fra100 il 15/09/2010 17:52:20:

Rendere Wikipedia più multimediale accettando contenuti come video, caricati direttamente o attraverso un link da youtube, che aiutano a spiegare le varie voci.

Risposta di WMI

Caricare video su cui si detengano i diritti d'autore (da rilasciare con licenza libera) è possibile in Commons: ed è qualcosa su cui la WMF sta investendo, si veda la risposta a Sumail; l'inclusione di video ospitati da siti esterni non è invece possibile tecnicamente e per questioni legali, oltre che per una scelta di non includere nemmeno contenuti esterni che non presentassero nemmeno tali profili di problematicità, scelta che risale ai primordi dei progetti e non è competenza di WMI, ma della comunità dei progetti.

Angelstellar

Proposta da Angelstellar il 15/09/2010 18:34:40:

Convincere tutti i conduttori di tutti i programmi televisivi, compresi i telegiornali, ad usare ad ogni occasione relativa, una frase del tipo: "d'altronde, solo Wikipedia sa tutto".

Risposta di WMI

L'affermazione proposta è falsa. Si consiglia la lettura di questa pagina su Wikipedia a proposito dell'attendibilità dei testi e le pagine correlate.

Aubrey

Proposta da Aubrey il 16/09/2010 10:36:01:

Come appare da molti delle proposte qui sopra, l'outreach verso le scuole/università appare a tutti come importante. A questo outreach verso le persone e il mondo dell'educazione aggiungerei (interessatamente) un outreach finalizzato a quei "granai" del sapere e della memoria che sono i GLAM. Mi piacerebbe molto che WMI, idealmente e praticamente, diventasse un punto di riferimento per la formazione e l'informazione su wikipedia e dintorni, il metodo collaborativo, la conoscenza libera. Allo stesso tempo, potremmo diventare gli aiutanti di tutte quelle istituzioni che hanno una mezza idea di liberare/inserire materiale sui progetti Wikimedia ma non hanno la più pallida idea di come fare. Sono sicuro che con tutti i contatti che ci sono in associazione si potrebbero creare ottimi progetti (piccoli e grandi).

Risposta di WMI

L'associazione è da sempre interessata a ciò e cerca proposte e manifestazioni di interesse concrete da realizzare. Si vedano anche le risposte a Rodidon e Gardanus.

Galois

Proposta da Galois il 16/09/2010 14:39:17:

interessandomi di matematica proporrei che - quando possibile - vengano dati degli esempi pratici su teoremi spesso lasciati senza alcun commento.

Risposta di WMI

La proposta riguarda lo stile di scrittura delle voci di Wikipedia ed è quindi competenza delle sue linee guida, sviluppate dalla comunità e non da WMI, quindi può essere più utilmente avanzata al Progetto:Matematica su Wikipedia. In ogni caso siete invitati a contribuire a Wikipedia ed ai progetti per migliorarne le voci, come suggerito in questa pagina: Wikipedia:Non aver paura di fare modifiche. Serve sempre l'aiuto del maggior numero possibile di utenti competenti e volenterosi.

Pagnino

Proposta da Pagnino il 16/09/2010 23:46:46:

a me piacerebbe una maggiore integrazione con i dati dell'ISTAT

Risposta di WMI

La proposta andrebbe meglio esplicitata; di certo le voci di Wikipedia beneficerebbero di un maggiore aggiornamento statistico, che non è però un obiettivo semplice da perseguire. Sarebbe infatti necessario un investimento su una migliore gestione dei dati da parte della piattaforma MediaWiki, argomento da sempre oggetto di lunghe e intricate discussioni (di cui si può avere un'idea da questa lunga serie di proposte affini tratte dal wiki del progetto di pianificazione strategica Wikimedia, in inglese) che si spera possano presto portare a delle proposte concrete di implementazione su cui la WMF, che gestisce l'infrastruttura tecnica, possa investire. Sopratutto, tuttavia, una collaborazione coll'ISTAT richiede che i dati dall'ISTAT detenuti siano liberamente utilizzabili; per questo Wikimedia Italia aderisce all'iniziativa Il quinto potere per i beni comuni digitali.

Ancient Loom

Proposta da Ancient Loom il 17/09/2010 11:15:06:

Io inserirei della pubblicità tramite immagini di bevande al caffè oppure di scarpe da pugile tipo boxer anni '50. Cordiali saluti

Risposta di WMI

La pubblicità nei siti della WMF è un'eventualità da sempre scartata dalla WMF e soprattutto dalla comunità dei progetti Wikimedia (cui andrebbe proposta, non essendo competenza di WMI) per i problemi di indipendenza e neutralità che produce.

Giorgio

Proposta da Giorgio il 17/09/2010 14:37:36:

fornire una "copia" più o meno ridotta e semplificata dei contenuti su supporto portatile tipo pennetta USB o simili per uso scolastico; anche per favorire l'uso off-line e sfuggire ai noti problemi di controllo e di distrazione dei ragazzi/e insiti nella navigazione WEB. Salve e grazie dell'attenzione.

Risposta di WMI

La proposta è senz'altro interessante ed è qualcosa che WMI ha già fatto nel 2007 col DVD EXA di Wikipedia; l'associazione sta studiando le diverse possibilità disponibili per replicare un'iniziativa simile su DVD o chiavette USB. La realizzazione è in ogni caso complessa (ci sono varie difficoltà sia di tipo tecnico che di tipo legale) e quindi non è ancora completata anche se ci stiamo impegnando in questa direzione e speriamo, in un prossimo futuro, di potere portare a termine iniziative analoghe.

Glikkio

Proposta da Glikkio il 18/09/2010 3:30:10:

Salve a tutti,inizio facendo osservare come alcune idee del tipo tutto on line no libri no pesi ecc ecc NON possono funzionare se non esiste una copertura totale wifi...questo perché penso che wiki sia "Di tutti e in ogni luogo"....quindi averlo a casa o solo a scuola sarebbe un limite!Considerando il fatto che le ns scuole non hanno carta e gesso figuriamoci linee intranet!!
Penso che si debba puntare su 2 obiettivi:
  1. Cercare di sviluppare un applicazione propria,per esempio io scrivo,leggo scarico materiale da iPad mentre prima usavo iPhone!!...Questi accessori possono implementare applicazioni proprie(gratis) fantastiche!Penso che se uno non ha tanti soldi per un iPad può sempre avere un tablet con android con costi modestissimi! Il futuro e il tablet la linea sempre attiva e un applicazione che da a wiki la possibilità di poter lavorare all' interno a proprio piacimento indirizzando gli utenti dove voglio arrivare!!
  2. Implementare città e musei..cioè arte e cultura facendo delle vere e proprie cartine on line con immag e spiegazioni....con itinerari e riferimenti di città in città di museo in museo in tutto il mondo.....facendosi pagare,eventualmente, dai musei dai municipi e dai ministeri con finanz nazion o europei!!
E' molto complesso sia il primo che il secondo punto e trattarlo come suggerimento su di una pagina semplice alle 3:00 della notte non e cosa facile!! Le mie idee sono semplicità di utilizzo ed evoluzione di wiki in quello che dovrebbe essere il 21 secolo ed Internet pero non facendo gravare i costi agli utilizzatori!
----Se si chiede di pagare l'informazione e la cultura di Wiki allora si perde il concetto stesso di ciò che e Wiki ORA-----

Risposta di WMI

La prima proposta è di competenza della Wikimedia Foundation, che gestisce la piattaforma tecnica dei progetti. La WMF sta già investendo nella versione "mobile" (http://m.wikipedia.org/), che in un futuro non troppo distante dovrebbe essere disponibile anche in modalità di modifica; per favorire lo sviluppo di applicazioni terze utili a contribuire ai progetti Wikimedia è consensualmente ritenuto un obiettivo da perseguire l'implementazione del protocollo OAuth, che però è di difficile realizzazione e al momento non fra le principali priorità della WMF.
Per quanto riguarda la seconda proposta, tale progetto esiste già ed è OpenStreetMap (OSM): un progetto collaborativo finalizzato a creare mappe a contenuto libero del mondo. Il progetto punta ad una raccolta mondiale di dati geografici, con scopo principale la creazione di mappe e cartografie. La peculiarità di questo progetto è che i dati geografici in esso presenti possiedono una licenza libera: sia le immagini renderizzate che i dati vettoriali, oltre che lo stesso database di geodati sono rilasciati sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0. Naturalmente, Wikimedia Italia sostiene la diffusione di tutta la cultura libera, di cui anche questo progetto è un esempio quindi speriamo che cresca e si diffonda. L'integrazione di OpenStreetMap all'interno di Wikipedia è uno dei progetti nei quali la Wikimedia Foundation sta investendo, mentre un maggiore sviluppo di funzionalità come gli itinerari andrebbe proposto alla comunità del progetto OpenStreetMap. Si rimanda inoltre alla risposta a olosfound.

olosfound

Proposta da olosfound il 18/09/2010 8:45:32:

Premetto che, secondo me, un progetto importante come Wikipedia debba avvalersi di processi che garantiscano la sostenibilità della pubblicazione attuale e la raccolta di fondi da indirizzare a ricerca e sviluppo , nonché alla fidelizzazione ed alla crescita numerica e qualitativa degli utenti.
Ho notato che la stessa UNESCO apre negozietti in ogni media città. Significa avere una presenza distribuita, rendere nota la propria missione, avvicinare in modo capillare i futuri volontari, diffondere uno stile che non necessariamente si scontra ma, anzi fortifica la funzione etica professata. Forse il timore è quello che, strutturando delle attività “commerciali” Wikipedia non sarebbe più libera. Non so, ma vedo che anche il mondo dell’Open Source sta maturando in una specie di “terza via”, con benefìci condivisi da utenti e programmatori.
Ho raccolto alcune delle idee già espresse nei precedenti contributi (stefano.spolverini: wikituscia; gardanus: corsi il cui prodotto finale è un articolo; Guerriero Della Luce: nelle scuole sviluppo e traduzione di nuovi lemmi come esercizi scolastici; fra100: rendere Wikipedia più multimediale; Lam: tenere dei corsi in varie città). Esse avvalorano, con esperienze reali e particolari interessanti, l’ idea che propongo.
Un uso di WP da sviluppare potrebbe essere quello di utilizzare logiche, categorie e tecnologie adattate al caso, allo scopo di strutturare un archivio digitale descrittivo di esemplari architettonici, opere d’arte ed altri oggetti conservati in musei , biblioteche , luoghi di culto, case private e spazi espositivi dedicati a tutto ciò che ha valore culturale.
Si tratterebbe di progettare e strutturare un’operazione che, in estrema sintesi, si avvale di : contributi specialistici alla localizzazione, classificazione e descrizione di ciascuna opera ; personale formato alla predisposizione del materiale descrittivo ed alla compilazione di schede rappresentative delle opere; personale addetto alla omogeneizzazione ed al montaggio del materiale; personale addetto al riempimento dell’apposito form di Wikipedia predisposto allo scopo – in collaborazione con esperti, Sovrintendenza, archivisti - per la pubblicazione delle informazioni; personale addetto al marketing di prodotti derivati, che abbiano un uso commerciale (rivolto a istituzioni, commercio, promozione territoriale, editoria). Wikimedia potrebbe anche accordarsi con organizzazioni non a fini di lucro, trasferendo loro il compito di coprire il territorio e di superare la ritrosia dei conservatori (nel senso di chi ha le chiavi per entrare)…Ci sarebbe molto altro da dire, ma forse la suggestione è chiara.
Credo che, l’idea di raccogliere informazioni localizzate e di strutturarle come patrimonio dell’Umanità, potrebbe creare ricavi da reinvestire, nuovi posti di lavoro, ridurre i traffici illeciti di opere d’arte, conquistare potere contrattuale, dare una smossa ai polverosi scantinati dei musei, alle collezioni private ed ai loro gelosi conservatori, diffondere l’altruismo reciproco nella comunità umana... Grazie Wikipedia, perché ci fai sognare. Cordialità, Valerio

Risposta di WMI

L'apertura di spazi fisici fissi dove "incontrare Wikipedia" e i progetti Wikimedia è già stata discussa in passato: a questo scopo si stanno usando le sedi amministrative della WMF a San Francisco e di WM-DE a Berlino) lasciandole parzialmente aperte al pubblico, come sarà anche la sede di WMI a Roma; un impegno superiore appare difficilmente sostenibile economicamente.
Per quanto riguarda la seconda proposta: innanzitutto dovrebbe essere fatta alla comunità di Wikipedia, ricodiamo inoltre che Wikipedia è un'enciclopedia e quindi non è detto che i tipi di dati proposti verranno accettati su di essa (deve essere comunque la comunità dei progetti a decidere). Naturalmente, la trattazione dei principali beni culturali nelle voci di Wikipedia può certamente essere migliorata ed a questo scopo WMI sta incrementando i rapporti con musei e altre istituzioni culturali, sull'esempio di WM-UK e WM-AU; una collaborazione diretta di tali istituzioni alla stesura delle voci è da perseguire ma impegnativa (cfr. le risposta a Rodidon e Gardanus), ma sarebbe interessante riproporre un concorso fotografico simile a quello con cui WM-NL ha raccolto migliaia di foto di monumenti olandesi poco noti, che ora grazie alla georeferenziazione sono disponibili dalle varie mappe e inoltre catalizzeranno la stesura di voci sui monumenti stessi. Su un tono simile, peraltro, WMI già nel 2007 ha completato un progetto pionieristico di inserimento di speciali codici a barre che consentono un accesso diretto alle voci di Wikipedia relative ai vari elementi del Parco archeologico e tecnologico delle colline metallifere grossetane.

Romick

Proposta da Romick il 20/09/2010 2:00:16:

Attualmente chi consulta una voce su Wikipedia non ha alcuna possibilità di verificare immediatamente se l'articolo che sta leggendo (di default nella sua lingua) sia di fatto una traduzione (più o meno completa e affidabile) da un'altra edizione nazionale, oppure una voce originale cioè esclusivamente fornita da quella versione nazionale di W.
Non si può quindi sapere quante siano le differenti versioni nazionali disponibili, quali le più lunghe (quindi presumibilmente più complete) ecc. Probabilmente molti utenti di W. nemmeno si sono accorti di questa situazione, e sono convinti che i testi delle varie edizioni siano tutti identici fra loro, salvo che per la traduzione. Credo che costituirebbe un novità importante per incentivare un uso corretto, completo e "internazionale" di W. dotare ogni voce di un box informativo che riporti accuratamente le suddette informazioni.

Risposta di WMI

Innanzitutto precisiamo che non esistono versioni "nazionali" ma solo linguistiche. Condividiamo l'osservazione che il carattere internazionale/globale/multilinguistico di Wikipedia è poco compreso; infatti quanto si propone è già disponibile, per quanto poco noto.
A sinistra di ogni voce sono elencate, nella sezione "in altre lingue", tutte le voci in altre lingue sullo stesso argomento. La funzione è molto apprezzata dagli utenti che conoscono più di una lingua, che possono così confrontare la trattazione dell'argomento nelle varie edizioni.
L'associazione delle voci su uno stesso argomento è fatta a mano; inoltre se anche questo processo fosse interamente automatizzato non sarebbe possibile confrontare automaticamente la completezza della trattazione dell'argomento nelle diverse edizioni, che potrebbe essere suddivisa su un numero di pagine diverso o comunque organizzata in modo differente.
Per quanto riguarda l'originalità dei contenuti, gli autori e l'attendibilità, altre considerazioni non automatizzabili, le versioni linguistiche di migliore qualità sono contrassegnate da una stelletta e tutte le informazioni sugli autori sono e devono essere contenute nella cronologia per questioni di licenza, inoltre talvolta il fatto che una voce è stata tradotta da una o più voci in altre lingue è segnalato da un visibilissimo avviso in pagina di discussione; l'invito per capire che cosa si sta leggendo è quindi sempre quello di consultare la cronologia e la discussione, il cui scopo è precisamente questo.
In ogni caso è possibile scrivere dei programmi che compiano il tipo di azione descritto: si veda, per ulteriori informazioni, la pagina Wikipedia:Toolserver. In questo momento Wikimedia Italia non considera prioritario il finanziamento dello sviluppo di un simile tool in ogni caso ogni contributo volontario è bene accetto.

La risposta del proponente (Romick)

Il proponente di questa idea ci ha risposto come segue, lo ringraziamo per averci dato la possibilità di pubblicare la sua risposta qui di seguito.

Grazie per la segnalazione. Ho letto le osservazioni che in parte condivido. Tuttavia, per quanto riguarda la fruibilità della pagine più complete sullo stesso argomento nelle varie lingue, non credo che una diversa organizzazione del testo e delle informazioni possa rendere inutile il dato della lunghezza (numero di parole) delle voci realizzate nelle diverse lingue. Sarebbe sufficiente l'aggiunta di tale numero accanto a ogni link verso ogni differente trattazione linguistica dell'argomento (credo assai facile da realizzare tecnicamente) per moltiplicare l'utilità di Wikipedia (almeno per chi mastica qualche lingua). Vorrei citare un solo esempio: si confronti la voce "Lucia Bosè" in italiano con quella in francese. Nonostante l'attrice sia di nazionalità italiana, tanto la relativa voce è scarna e povera di informazioni quanto quella in francese è mirabilmente completa e accurata. L'utente italiano alla ricerca di informazioni ben difficilmente, anche se conoscitore della lingua francese, si recherà sulla pagina in francese di tale voce. Se invece, accanto al link verso la pagina in francese, fosse presente il numero di parole della voce "Lucia Bosè" confrontabile con quello (consistentemente più piccolo) della voce in italiano, una gran parte degli utenti di lingua madre italiana consulterebbero immediatamente la pagina francese. Inutile dire che tale piccolo accorgimento aumenterebbe anche di molto la possibilità di traduzioni, miglioramenti, integrazioni, e un certo benefico spirito emulativo fra le edizioni delle varie lingue.

Grazie dell'attenzione e i più cordiali saluti.

La risposta di WMI

Ogni voce di Wikipedia presenta nella colonna a sinistra una lista con l'elenco delle altre versioni linguistiche di Wikipedia che hanno quella stessa voce, questi collegamenti si chiamano interlink

Si veda per esempio questa pagina la voce "Wikipedia" su Wikipedia, le lingue in cui la voce esiste sono moltissime dall'Acèh allo Zeêuws.

L'idea del numero di byte potrebbe essere sviluppata in un'applicazione sul Toolserver che le indicavamo nella risposta iniziale. È comunque un'idea molto concreta e valuteremo se sarà possibile svilupparla.

Maurizio Milano

Proposta da Maurizio Milano il 20/09/2010 10:53:14:

E' opportuno che le voci rispondenti a categorie omogenee (Città, ad esempio) siano articolate secondo uno schema fisso, sia per quanto riguarda i paragrafi (storia, geografia, peculiarità, etc.) sia per le fonti richiamate.
Molte voci sono infatti viziate da provincialismo o protagonismo, piene di contributi superflui, non interessanti nè "enciclopedici". Invito a consultare la voce "Chieti", dove si può trovare un delirio sul clima, un'elencazione di eventi e personaggi privi di alcuna importanza e nessun approfondimento sulle vicende storiche o sul patrimonio monumentale, che costituiscono invece gli aspetti più interessanti della Città.

Risposta di WMI

Wikimedia Italia non vuole e non può intervenire in scelte che riguardino i contenuti o la "linea editoriale" di Wikipedia e dei progetti fratelli (sui quali non esercita alcun controllo), che è stabilita collaborativamente dai partecipanti ai progetti stessi (infatti non esiste una redazione). Solo partecipando ai progetti è possibile contribuire alle scelte fatte all'interno dei progetti stessi.
Ciò detto, segnaliamo che esiste un progetto Comuni che ha prodotto uno schema da seguire e che tutte le problematiche da lei segnalate sono già disciplinate da apposite linee guida, quindi è sufficiente segnalare i problemi in discussione e/o intervenire direttamente nella modifica delle voci.