Utente:DracoRoboter/wiki e aziende: evil marketing

Da Wikimedia Italia.
Old! Questa pagina è obsoleta è necessario aggiornarla o archiviarla.

Stato definito nell'anno 2017.

Chi ha modificato lo stato: DracoRoboter.

Il marketing delle aziende e Wikipedia, for dummies

E quindi vorresti scrivere su Wikipedia?

Wikipedia e il Marketing for dummies.

Versione 0.31 - 18 dicembre 2011

Di User:DracoRoboter e Fabbrone

« Wikipedia non è uno sport per ragazzine »
(DracoRoboter)


Introduzione

Se sei arrivato fin qui, è altamente probabile che tu faccia parte di quelli che vengono pagati per scrivere (bene o male, a seconda di chi paga) di una azienda in Internet.

Bravo. Se ti hanno chiesto di scrivere qualcosa anche su Wikipedia, ti consiglio di leggere quanto segue.

Per il frequentatore medio di Wikipedia, con tutta probabilità, fai parte di quella categoria di persone che, potenzialmente, potrebbero far deragliare il "PROGETTO" dalle linee guida, lungamente discusse e raffinate. Fare soldi con Wikipedia, direttamente o indirettamente, è considerato molto male.

Nel seguito, userò il termine "azienda" per semplicità, ma l’oggetto del contendere potrebbe però essere un prodotto, una persona o una istituzione.

Anche se da queste poche righe potrebbe sembrare diversamente, la mia intenzione non è quella di scoraggiarti, al contrario; vorrei solo consigliare un po’ di cautela. In fondo, se riuscirai a scrivere rispettando le regole, ne guadagnerà Wikipedia e, di rimando, ne guadagneremo tutti.

Il tema principale

Le regole di Wikipedia non vietano affatto di scrivere di aziende ed eventualmente dei loro prodotti, ma bisogna fare molta attenzione. Innanzitutto tu sei pagato per farlo, e stai legittimamente difendendo gli interessi di un'azienda o di una persona; per questa ragione, e per altri motivi associati a questa, desterai sospetto, se non addirittura fastidio. È bene che tu ne tenga conto.

Quando ti presenterai, fallo subito e iscriviti, ci sono modi tradizionali per farlo, di la verità su di te e sui tuoi scopi. Puoi leggere il capitoletto "presentarsi" per avere idea del come.

Se devi trattare prodotti o aziende legati a medicina e salute stai molto attento: la possibilità che le tue modifiche creino polemiche sono molto alte.

Hai sicuramente notato l’avvertenza "Le informazioni qui riportate hanno solo un fine illustrativo: non costituiscono e non provengono né da prescrizione né da consiglio medico. Wikipedia non dà consigli medici: leggi le avvertenze."

È bene, inoltre, che capisci dove sei e qual è la filosofia di fondo del luogo che stai frequentando. Non è necessario trasformarsi in un novello Stallman (sapete chi è Stallman, vero?), ma è bene avere delle coordinate minime.

Cose da sapere

La vision, ovvero l'obiettivo, di Wikipedia è riassunta nella frase:

« Immagina un mondo in cui ogni singola persona sull'intero pianeta possa avere gratuitamente a disposizione la summa di tutto lo scibile umano. È quello che stiamo facendo »
(Jimmy Wales, fondatore di Wikipedia)


Un obiettivo che potrebbe parere idealistico, ma che si crede verrà raggiunto nel tempo, in maniera asintotica, grazie all'esistenza della più grande enciclopedia del mondo e all'apporto di tante persone. Il metodo per la costruzione di questo colosso informativo è, almeno sulla carta, molto semplice: fornire uno strumento informatico (il software MediaWiki) che permette a chiunque, che sia o meno iscritto a Wikipedia, di creare e modificare pagine dell’enciclopedia, senza che ci sia una moderazione preventiva dei contenuti introdotti.

(Hai letto bene: "chiunque può modificare, e senza moderazione")

Come faccia questo caos controllato a funzionare nessuno lo sa: anche i contributori più accaniti (e credo anche i fondatori) sono stupiti da questo successo.

L'unica cosa certa è che i wikipediani, almeno quelli più attivi, sono fortemente legati al progetto. Vivono come una sconfitta personale le imperfezioni, obiettivamente e largamente presenti, di Wikipedia. Il loro principale obiettivo è mantenerla e migliorarla; fanno gara a chi contribuisce di più, controllando, inserendo e modificando contenuti. Tutto ciò senza alcuna retribuzione materiale, se non la soddisfazione personale.

Il risultato di tutto questo lavoro può essere usato liberamente da chiunque, per qualsiasi scopo, anche quello di fare denaro (con il solo obbligo di dire da dove ha preso quelle informazioni, se copiate così come sono). Formalmente questo è consentito dalla licenza utilizzata, una tra le cosiddette licenze libere.

(Sottolineo: "anche fare denaro")

Notare, come del resto si può desumere da quanto sopra, che "libero" non significa necessariamente "gratis" e "gratis" non vuol necessariamente dire "libero". La libertà ha varie gradazioni: le Creative commons sono la gradazione di libertà concessa all’utilizzatore di Wikipedia.

Perché non c’è pubblicità su wikipedia

Innazitutto i wikipediani sono fondamentalmente degli idealisti: nella gran parte dei casi, contribuiscono alla loro benamata enciclopedia on line perché è gratis, e desiderano farlo gratuitamente. Inoltre, avere pubblicità (o "comunicazione sponsorizzata", se preferisci) da parte di aziende e enti esterni potrebbe far pensare che l’atteggiamento di Wikipedia nei confronti degli stessi non sia obiettivo.

Questo fa parte delle ragioni per le quali chiunque abbia delle motivazioni professionali per scrivere su Wikipedia suscita sospetto.

Diciamo la verità: sei sicuro che, oltre ai tuoi amici, ti conosca qualcuno?

Non è detto che ciò che ti sta a cuore sia interessante per la collettività. Può essere importantissimo per una azienda far sapere al mondo che ha creato la nuova versione del Sforlopoppo-o’matic™ (che, come tutti sanno, si riconosce per avere dei bordini blu invece che rossi), ma è ragionevole che la cosa non sia considerata di nessuna rilevanza dal resto del mondo.

Quindi, anche se la tua azienda è leader mondiale nella distribuzione degli Sforlopoppi, sii ragionevole nel livello di dettaglio con cui descrivi i tuoi prodotti.

Problemi analoghi possono esserci in merito alla rilevanza delle persone fisiche, in particolare degli artisti viventi.

Bello, non ci provare (ossia: l'enfasi, un nemico)

Il lavoro del comunicatore di professione, è quello di far associare valore agli oggetti e agli avvenimenti. Quindi le aziende saranno tutte “leader del settore”, i servizi “da sogno” e i prodotti “quanto di meglio sul mercato”. Questo atteggiamento è concepibile, e comprensibile, nel vasto modo delle merci, in cui bisogna convincere le persone a svuotare il proprio portafogli per acquistare i vostri prodotti.

Tale registro è invece sconsigliabile su Wikipedia: se scriverete che il sopracitato Sforlopoppo-o’matic™ pulisce meglio dell’odiato, e concorrente, Sbirigno-buffo™ dovrete (su Wikipedia) dimostrarlo. (vedi anche: “Cita le fonti, le “dimostrazioni” su Wikipedia”)

Stesso discorso vale per tutte quelle parole che, pur non portando vera informazione, caricano la comunicazione di sentimento.

Esempio
« Non può mancare, nella collezione dell’intenditore, l’album Jabberwocky, il capolavoro della Sforloppo Band »
(quote)


Commenti mentali del wikipediano

  • perché non deve mancare?
  • cosa è un intenditore?
  • stai cercando di dirmi se non lo ascolto, o compro, sono uno scemo? Non ci provare, bello...
  • chi è che dice che è un capolavoro? Tu?

In “wikipedianese” diventerebbe qualcosa tipo:

« L’album "Jabberwocky" è stato il più venduto[link] e il più apprezzato dalla critica[link] tra quelli prodotti dalla Sforlloppo Band[link] »


Tutto ciò non significa che non possiate parlare bene del prodotto in questione, solo che vi conviene farlo all’interno delle regole wikipediane.

Cita le fonti, le “dimostrazioni” su wikipedia

Tutti vorrebbero che su wikipedia ci fosse scritta la verità, tutta la verità e nient’altro che la verità. Questo ideale, che è comunque in qualche senso ricercato, non è certamente raggiungibile. Si possono brevemente elencare le ragioni principali, tutte esterne a wikipedia:

  • la semplice ignoranza: nessuno sa quale sia la verità (es. "a che ora di che giorno è nato Tutankhamon?")
  • l’inapplicabilità o soggettività: è discutibile che sia sensato applicare il concetto (es. "l'album più bello dei Metallica è Master of Puppets?")
  • il disinteresse: il dato in questione non è abbastanza importante per essere ricordato (es. "quante volte mi sono grattato la schiena il 12 gennaio del 2003?")
  • la partigianeria: legati all’evento o concetto ci sono forti sentimenti che impediscono la ricerca del’oggettività. In particolare in campi quali la religione, la politica e lo sport.

In Wikipedia si è deciso di rinunciare a ricercare la Verità, adottando un concetto più debole ma più pragmatico, ovvero la verificabilità. In pratica, dimostrare qualcosa su Wikipedia significa niente di più e niente di meno che mostrare una fonte esterna che riporti la notizia. La fonte deve essere degna di fede, chiaramente. Da qui il motto wikipediano “Cita la fonte”.

Al posto dell’oggettività, si è scelto di utilizzare il cosiddetto punto di vista neutrale. In pratica, non si sceglie di dire la cosa “giusta” ma, ove possibile, solo di presentare asetticamente le varie opinioni che la cultura ha costruito sull’argomento, ponderando la presenza e lo spazio dato alle opinioni stesse, in base alla loro importanza e diffusione.

Convenevoli e partire bene

Appena arrivato è bene che tu ti iscriva e che crei la tua pagina utente. (L’indirizzo sarà qualcosa tipo http://it.wikipedia.org/Utente:nome.utente)

In quella pagina non è strettamente necessario scrivere la storia della tua vita. Scrivere i propri intenti e perché li si sta perseguendo, invece, è caldamente consigliato soprattutto nel tuo caso. Questo compatibilmente con i ragionevoli limiti dovuti alla privacy e al proprio mandato in quanto professionista.

Cose che pensate di sapere

  • Wikipedia è gestita da ragazzini nerd spocchiosi.

[TODO cercare dati della statistica fatta, vado a spanne.]

Anche, ma non solo. Il wikipediano medio è maschio, bianco vive nella parte più ricca del mondo (USA o Europa ad esempio) e ha un livello di scolarizzazione medio/alto. Tra i Wikipediani ci sono studenti, professori universitari attempati, giovani ricercatori nel campo delle nanotecnologia o della fisica teorica, stimati professionisti di mezza età, ma anche casalinghe, pensionati e ragazzini.

Non so valutare quanto in media siano “spocchiosi”, anche perché è un giudizio soggettivo difficilmente valutabile, di sicuro non sono tutti ragazzini. Nerd sì, o quantomeno geek, compresi quelli che pensano di non esserlo perché non hanno idea di come funzioni un computer. Non diteglielo però, per cortesia, alcuni se la prenderebbero a male.

  • Wikipedia chiude le pagine scomode.

Qui bisogna approfondire cosa si intende con “scomode” e “chiude”. Una voce (si chiamano così a essere puntigliosi) puo essere bloccata in scrittura, cancellata o svuotata. Se è bloccata, nessuno (tranne gli amministratori) avrà la possibilità tecnica di scriverci. E per altro anche agli amministratori è vietato, moralmente, modificarlo per operazioni che non siano "tecniche". Se è stata cancellata, non apparirà più. Se è stata svuotata, esiste ma non ha contenuti.

Queste operazioni si fanno per una serie di motivi. La più comune, nel caso della cancellazione, è che l'argomento non è considerato abbastanza rilevante da essere mantenuto. Il blocco si attua di solito per limitare la frequenza dei cambiamenti, in attesa che le acque si calmino e i contributori ricomincino a discutere serenamente, per poi mettersi d’accordo su cosa è meglio lasciare nella voce. A prescindere dal blocco, esiste in ogni caso la pagina di discussione, sui cui utenti e amministratori si confrontano e cercano di trovare una soluzione.

Le voci sono svuotate, e contemporamente bloccate, in alcuni casi - ad esempio, quando qualcuno ha minacciato querela a causa dei contenuti. L'unico caso in cui la pagina può essere considerata "scomoda" è questa.

Anche se l'universo reale è meno perfetto di quanto vorremmo, e quindi delle pressioni esterne verso per l’attuazione di un certo grado di censura c’è stato e ci sarà (anche se per fortuna sinora con scarsissime fortune), in Wikipedia la censura degli argomenti scomodi dovrebbe essere assente. In altre parole, almeno idealmente, non esistono voci in sé scomode.

[TODO caso seghinthaler, 20 milioni sul capo di Wikimedia Italia, le foto “pornografiche” e il contestato referendum sulla visibilità delle stesse.]

  • Wikipedia e Wikimedia sono la stessa cosa

Wikipedia è solo un sito, Wikimedia Foundation una fondazione americana che si occupa di gestire quel sito, raccogliendo donazioni, per pagare sviluppo, computer e varie altre cose collegate. Wikimedia Italia è uno dei chapter nazionali della wikimedia fondation, di cui è (in modo complicato) emanazione. Ci sono svariati altri chapter in altre nazioni del mondo. Si occupano tutti di pubblicizzare e sostenere Wikipedia, e il movimento open in generale.

  • Wikipedia e Nonciclopedia sono la stessa cosa

Assolutamente no. L’unica cosa che sicuramente hanno in comune è il software utilizzato (che con grande spreco di fantasia si chiama MediaWiki) e, forse, lo spirito collaborativo che le anima. Gli obiettivi sono però completamente diversi, e anche gli enti giuridici che le supportano.

Bene, hai letto fino qui, ma immagino che sapessi già tutto e che ti interessino delle cose un po' più particolari. Accomodati al paragrafo successivo

Come fare a...

  • Ho un link che vorrei fosse pubblicato su 'pedia, posso?
    • Dipende, di solito no. Per essere linkati su 'pedia è necessario che il contenuto sia pubblicamente leggibile (non è necessario adottare una licenza libera) e che sia fonte autorevole per l'argomento trattato. Indovina cosa devi fare?

Passiamo alle domande difficili

In questa sezione vengono trattate le questioni derivanti da un cattivo rapporto con le informazioni su wikipedia, o più probabilmente con i suoi contributori.

Devo premettere, per onestà intellettuale, che non ho nessun rimedio magico da suggerire, il massimo che posso fare è cercare di inquadrare il problema. (ricordo che dove c’è scritto "azienda" si può leggere tranquillamente anche "prodotto", "artista", "brand" e simili)

I casi problematici, tolti i particolari, sono principalmente di due tipi:

  1. la mia azienda / l’azienda per cui lavoro è stata trattata male da Wikipedia, sono qui per rimettere a posto le cose. Del resto mi pagano per farlo...
    • la pagina della mia azienda è stata cancellata, oppure c’è un commento enorme che mette in dubbio la sua importanza.

Se poi le cose si complicano ulteriormente, abbiamo il caso peggiore

  1. la mia azienda è stata trattata male da Wikipedia, (ho provato a mettere a posto le cose, non ci sono riuscito e) quindi vi faccio causa

Analizziamo insieme punto per punto:

  1. Bravo, in quanto wikipediano hai tutta la mia stima, però...

TODO

   Innanzitutto potresti sbagliarti.  
   presentarti come il portatore della fiaccola della Verità non sarà di nessun aiuto, arrabbiarti e/o insultare neanche. 


Se invece concretamente farai lo sforzo di capire


    • A volte lo fa. Wikipedia non raccoglie tutte le informazioni possibili, raccoglie solo quelle la cui rilevanza sia sufficiente da consentirne l’introduzione in una enciclopedia. Può essere che la tua azienda, indipendentemente dal suo valore intrinseco, non sia abbastanza consociuta da essere considerata importante.


  1. "Questa domanda è stata bloccata infinito, non verrà data una risposta finché non si concluderà il contenzioso giudiziario...", ok scherzo.

Questo è un argomento realmente spinoso, essendo l’autore in qualche modo la potenziale parte avversa, ed è quindi molto difficile dare una risposta obiettiva. La mia opinione è che sarebbe bene evitare, ma vedi sopra, anche perché non sono impossibili delle conseguenze negative dal punto di vista dell’immagine.

Innanzitutto cerca di capire bene chi vuoi denunciare, e cosa vuoi ottenere.

Per iniziare non puoi denunciare Wikipedia, Wikipedia non è una azienda e non ha una personalità giuridica. Le alternative a mia conoscenza sono due (e credimi, non sto cercando di nasconderti nulla, sarebbe solo stupido farlo):

  1. la Wikimedia Foundation proprietaria dei computer che fanno funzionare Wikipedia,


  1. i contributori che, a tuo parere, hanno scritto una notizia falsa e che potrebbe recarti danno.

Tenete presente che in tutti e due i casi l’effetto immediato sarà quello di fare oscurare la pagina da parte degli amministratori, almeno fino a che la contesa non sarà appianata. Non sottovalutate anche la possibilità che i giornalisti si occupino della faccenda, dando risalto alla notizia, o psedo notizia, che vi ha infastidito. A tal proposito è da citare il cosiddetto effetto Streisand,

« in cui un tentativo di censurare o rimuovere una informazione provoca al contrario l'ampia pubblicizzazione dell'informazione stessa.(cit.) »


Conclusioni

TL;DR Se segui le regole è probabile che la tua pagina sopravviva.



Gli autori

  • User:DracoRoboter Contributore di wikipedia a partire dal 200(5?), ex amministratore di wikipedia in italiano (it.wiki), ex amministratore di wikipedia in lombardo (lmo.wiki), ex vicepresidente di Wikimedia Italia, il chapter italiano della Wikimedia Foundation.
  • Fabbrone



Da aggiungere

Una volta che il vostro contributo sarà su wikipedia chiunque potrà intervenire a modificarlo. Potrete, se volete, controllare e informazioni inserite, usando le vostre risorse, ma non potrete avere un controllo editoriale completo sulle informazioni. In altre parole se verranno inserite delle informazioni verificabili attinenti all’argomento che non vi piacciono non avrete il diritto di toglierle. In particolare wikipedia è soggetta ai cosiddetti vandalismi, ovvero contributi distruttivi (quali parolacce, informazioni false e simili) anche se in genere vengono eliminati molto in fretta nessuno può assicurare che almeno temporaneamente la pagina di vostro interesse ne sia infestata.

Di solito è bene non inserire descrizioni di eventi futuri.

Fare promozione non è lo scopo di wikipedia.

Il concetto di “enciclopedicità” non è ben definito, perché non può esserlo. Cosa è utile alla enciclopedia è continuamente ridefinito, con regole generali che sono però in continua evoluzione. L’argomento “se c’è queso perché non quest’altro” è di solito debole. Può avere qualche valenza, ma ribadisco debole, solo se gli argomenti trattati dalle due voci sono molto affini.