Wiki Loves Monuments/2010/autorizzazione

Da Wikimedia Italia.

All'attenzione di


Gentile dott. XXX,

Wikimedia Italia (http://wikimedia.it) è una associazione di promozione sociale, attiva dal 2005 nell'ambito della conoscenza libera; è la corrispondente italiana ufficiale di Wikimedia Foundation (la fondazione americana che opera Wikipedia e altri otto progetti dai simili intenti) e in Italia si occupa di promuovere Wikipedia e gli altri progetti oltre che la cultura libera.

La contattiamo perché vorremmo portare alla sua attenzione due progetti dal respiro internazionale che crediamo potrebbero beneficiare della collaborazione reciproca.

Il primo è "Wiki Loves Monument", un concorso fotografico europeo e federato, la cui seconda edizione si svolgerà a settembre 2011, organizzato dai vari capitoli Wikimedia nazionali, a livello locale, con un secondo round europeo, in cui concorreranno le 10 migliori foto di ogni nazione.

Le foto degli utenti, legate ciascuna ad un monumento, saranno rilasciate con licenza libera Creative Commons (CC-BY-SA) e verranno caricate su Wikimedia Commons e successivamente Wikipedia. Il concorso punta infatti a creare un database di immagini libere riguardanti il patrimonio artistico europeo, che possano arricchire le edizioni di Wikipedia in tutte le lingue.

Il secondo progetto che siamo a presentarle è "Wikipedian in Residence".

Nel giugno 2010, per 5 settimane Liam Wyatt ha lavorato all'interno del Britich Museum, supportato dal chapter inglese, Wikimedia UK. Liam ha dichiarato che l'obiettivo del progetto era "di individuare le modalità di costruire una relazione sostenibile tra il museo e la comunità di Wikimedia, in modo che sia reciprocamente vantaggiosa e conforme ai principi di entrambe le comunità", sottolineando l'importanza delle varie parole chiave (sostenibilità, relazione, mutuo vantaggio, principi). Il suo è stato un ruolo di ponte fra due comunità diverse, ma con più cose in comune di quanto entrambe non pensassero. Il progetto è stato da subito disegnato in modo da cercare di evitare da subito spazi di conflitto, conoscendo i modi di lavorare e i principi di entrambe le comunità. A livello pratico, i compiti di Liam erano vari: "creare o espandere articoli riguardo oggetti e beni di particolare rilevanza appartenenti alla collezione del museo, supportare i wikipediani che già contribuiscono ad articoli relativi al British Museum, sia localmente che internazionalmente; lavorare con lo staff del BM spiegando le procedure di Wikipedia e come loro stessi potrebbero contribuire direttamente". (dall'annuncio del BM). Il progetto ha avuto grande risonanza ricevendo i complimenti sia nel web che fuori: c'è persino stato un articolo del New York Times (http://www.nytimes.com/2010/06/05/arts/design/05wiki.html?pagewanted=1&_r=2). La pagina più completa si trova su Wikipedia, all'indirizzo: http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:GLAM/BM. Si possono trovare dettagli tecnici, un cenno sulle statistiche delle visite alle pagine, approfondimenti sulle attività svolte.

Negli ultimi anni, si sono moltiplicate le iniziative, a livello internazionale, che vedono protagonisti la comunità di volontari dei progetti Wikimedia e le istituzioni della memoria, i cosiddetti GLAM (Galleries, Libraries, Archives, Museums). Il modello del "Wikipediano in Residenza" ha poi dato via a svariati progetti similari, svoltisi a nella reggia di Versailles, nei musei di Toulouse, negli Archives of American Art e nel Children's Museum of Indianapolis (maggiori informazioni qui: http://outreach.wikimedia.org/wiki/GLAM/Case_studies).

Per ulteriori informazioni e/o qualora il Ministero e quindi la sua Direzione fossero interessati a collaborare a tali progetti, può contattarmi al ... o via email all'indirizzo ..

Distinti saluti, Andrea Zanni Segretario Wikimedia Italia