Adotta una parola va a scuola

Da Wikimedia Italia.
AdottaParola2011-logo.jpg
Adotta una parola va a scuola è un progetto di Wikimedia Italia, tER Turismo Emilia Romagna e APT Servizi Emilia Romagna in collaborazione con l'Ufficio Scolastico Regionale dell’Emilia-Romagna.

Scopo del progetto è quello di far adottare alle classi una voce di Wikipedia per loro rilevante in modo da ampliarla tramite ricerche e approfondimenti ampliando in questo modo i contenuti di Wikipedia ed insegnando contemporaneamente ai ragazzi il corretto utilizzo delle fonti, i linguaggi digitali e un metodo di ricerca. Non ultima è l'opportunità di promuovere negli studenti uno stile di vita attivo nell'uso del web.

A corredo del progetto APT Servizi Emilia Romagna ha messo in palio 3 gite per le classi che avessero svolto il miglior lavoro.

Destinatari

Il progetto è rivolto a classi delle scuola secondaria di primo grado e di secondo grado. È previsto lo svolgimento di incontri preparatori con docenti e studenti, con la partecipazione di circa 6 scuole per incontro.

È inoltre prevista un'assistenza remota delle classi coinvolte, con strumenti sincroni ed asincroni, per la durata dei lavori con le parole adottate.

Anno scolastico 2011/2012

Al primo anno del progetto hanno partecipato 30 classi di varie scuole dell'Emilia Romagna. I corsi sono stati tenuti a Modena, Parma e Bologna a fine febbraio, i lavori delle classi (validi per il concorso) si sono conclusi il 20 maggio, con la cerimonia finale di premiazione il 7 giugno.

L'esperienza

Durante il corso le classi hanno scoperto, con un certo stupore, che anche loro possono scrivere le voci e che nessuno passa i contributi al vaglio prima di pubblicarli. Superato lo shock per un approccio tanto diverso rispetto a quello del mondo scolastico, le classi si son subito buttate con entusiasmo nel progetto, lavorando per tre mesi sulle voci adottate. Per descrivere l'esperienza basta citare le parole di Giovanna Morini, docente coinvolta nel progetto, che ha commentato così: "Davvero i ragazzi hanno giocato un bel ruolo attivo, [...] un ruolo da studenti 2.0 e non solo da utenti che si bevono passivamente tutto quello che passa su web come fosse una TV! La speranza è che questo seme resti ai ragazzi come stile attivo con cui approcciare lo studio e l'ambiente che li circonda, e alla scuola e a noi docenti come metodologia didattica "ricca" da sfruttare ancora."

Partecipanti di Wikimedia Italia

Hanno partecipato per Wikimedia Italia i seguenti volontari: Aubrey, Ginevra Sanvitale, piero tasso. Quattro volontari hanno inoltre partecipato alla giuria per il concorso di APT Servizi Emilia Romagna.

La premiazione

Gli istituti vincenti sono: la 5A dell'Ipsia Mattei (Fiorenzuola, PC) per il massiccio lavoro svolto sulla voce Fiorenzuola d'Arda; la 2B del Liceo Marconi (Parma) per la creazione della voce Cittadella di Parma; la 4C del Liceo Scentifico Tecnologico Corni (Modena) per le tre nuove voci Fermo Corni, Guido Corni e Istituto tecnico industriale Fermo Corni; e infine la 3A Liceo Pico della Mirandola (Mirandola, Mo), per la creazione della voce Distretto biomedicale di Mirandola in questi giorni sfortunatamente al centro delle cronache nazionali dopo le scosse di terremoto che hanno colpito duramente la zona. Menzioni speciali ad altre scuole: la 3D del Liceo Bassi di Bologna per la revisione di Portici di Bologna e la contestuale creazione di una voce nella Wikipedia in lingua spagnola; la 4A del Liceo Bertolucci di Parma per le voci Attilio Bertolucci e Casarola; la 3C del Liceo Zappa di Borgotaro (PR) per Riserva Naturale dei Ghirardi.

Rassegna digitale

Foto

Ulteriori informazioni

Il progetto sui siti dei partner:

  • Turismo Emilia Romagna ne parla qui
  • APT Servizi Emilia Romagna ne parla qui
  • L'Ufficio Scolastico Regionale dell’Emilia-Romagna ne parla qui

Anno scolastico 2014/2015

Il progetto viene ripetuto nell'anno scolastico 2014/2015 sulla base della firma di un nuovo protocollo d'intesa.

Destinatari

Il progetto si concentra sul tema della Via Emilia (storia, monumenti, territori, ecc.) ed è rivolto alle scuole superiori con un lavoro di redazione sulle voci e alle medie con un lavoro di raccolta di fotografie sul tema. È previsto un concorso separato per ciascuna delle due sezioni.

Vengono ammesse al concorso sulle voci (anche in lingue diverse dall'italiano) un massimo di 30 classi superiori. Ciascuna di esse può partecipare al concorso con una sola voce (anche se è naturalmente libera di lavorare su più voci). Vengono invece ammesse al concorso sulle immagini non più di 20 classi delle medie, con la creazione di gallery (12 foto circa) per mettere in evidenza il lavoro fatto.

I premi per i vincitori consistono in visite scolastiche, attività per le classi o biglietti per spettacoli.

Tempistiche

È previsto un solo incontro formativo, a Bologna, in cui confluiscono le classi aderenti da tutta la regione (giovedì 22 gennaio, ore 15.30-17.30, presso la Sala Ovale dell'Ufficio Scolastico Regionale, via de' Castagnoli 1). Possibile un secondo incontro a marzo per le stesse classi, per approfondire dubbi e questioni emerse.

Gli incontri sono aperti a:

  • un docente più uno o due studenti delle classi delle superiori che partecipano
  • un docente delle classi delle medie che partecipano per la produzione di fotografie

La consegna delle voci è prevista per lunedì 4 maggio. La data prevista per la premiazione è il 4 giugno. Previsto anche un lavoro di tutoraggio da remoto, via mail o wiki.

Strumenti utili

Rassegna digitale