English version

Wikimedia news/numero 63

Da Wikimedia Italia.

Wikimedia News n. 63 del 30 ottobre 2013

"Assemblea soci 19 ottobre 2013" by Ale, [CC-BY-SA 3.0]

Assemblea soci ottobre 2013

Sabato 19 ottobre si è svolta la seconda assemblea annuale di Wikimedia Italia, presso la Biblioteca Salaborsa di Bologna. Il consueto raduno dei soci è stato preceduto nel corso della mattinata da un incontro pubblico sul tema Biblioteche e Wikipedia: incontri e possibilità. I relatori (Luca De Biase, Frieda Brioschi, Andrea Zanni, Virginia Gentilini, Piero Grandesso) hanno sottolineato il ruolo fondamentale delle biblioteche e delle istituzioni nell'interpretare il cambiamento in corso nell'ambito della conoscenza che passa attraverso il web.

Nel pomeriggio si è svolta l'assemblea vera e propria, caratterizzata da una partecipazione molto sentita, grazie anche alla presenza di nuovi soci e simpatizzanti incuriositi. Come di consueto sono state illustrate e votate le delibere approvate nei mesi precedenti dal consiglio direttivo: tra le più significative si segnala l'assunzione come segretaria part-time di Alessandra Gasparini e l'accordo stipulato con la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze. Punti salienti della discussione successiva, invece, sono stati l'opportunità di incorporare il capitolo italiano di Open Street Map (non ancora esistente) entro Wikimedia Italia e la candidatura di Esino Lario come luogo ospitante l'edizione 2015 di Wikimania. A seguito di una discussione molto sentita, entrambe le proposte sono state approvate dall'assemblea chiamata a votarle (la prima all'unanimità, la seconda a maggioranza). A seguire, Emma Tracanella (Direttore di Wiki Loves Monuments Italia) ha raccontato dell'edizione 2013 di Wiki Loves Monuments Italia, affiancata da Nemo il cui supporto nell'organizzazione del concorso è stato fondamentale. In conclusione sono state avanzate alcune considerazioni su altri progetti dell'associazione in programma per il 2014. Si rimanda al verbale (redatto da MLWatts, eletto segretario dall'assemblea) per tutti i dettagli.

Wikimedia Italia ringrazia sinceramente tutti coloro che hanno partecipato e contribuito con il loro aiuto alla buona riuscita dell'incontro.

Iberoconf2013

Iberocoop è la cooperativa che unisce gruppi di lavoro del movimento Wikimedia che operano in America Latina, Spagna, Portogallo e Italia. Dal 12 al 15 Ottobre 2013 si è tenuto a Città del Messico il terzo incontro dei capitoli coinvolti: Iberoconf2013. In rappresentanza di Wikimedia Italia ha partecipato Atropine, la quale ha raccontato in un report molto approfondito quanto avvenuto durante la conferenza. Gli argomenti affrontati principalmente sono stati il futuro di Iberocoop e della sua organizzazione interna, Wiki Loves Monuments, i progetti educativi e il possibile futuro incontro, Iberoconf2014, in Uruguay. È stato eletto un nuovo coordinatore: Carmen Alcazar di Wikimedia Messico (con il supporto tecnico di Wikimedia Argentina). Per tutti i dettagli si rimanda al report di Atropine, che in conclusione dichiara: "Quello che ho visto durante questa Iberoconf è tanta voglia di fare e di mostrarsi come un'entità efficace e replicabile".

Report borsisti Wikimania 2013 Hong Kong

È finalmente on line il report relativo a Wikimania 2013. Molti sono i soci italiani che vi hanno preso parte: otto di loro, in particolare, hanno beneficiato di borse WMI, le borse di partecipazione agli eventi internazionali di Wikimedia Italia. Il programma ha come obiettivo principale quello di incoraggiare wikipediani e wikimediani italiani a prendere parte ai raduni, allo scopo di promuovere i progetti Wikimedia in italiano. A questo si aggiunge la volontà di arricchire ciascun incontro dell'entusiasmo e dell'esperienza di gruppi diversi del movimento Wikimedia. A fine evento, tutti coloro che hanno beneficiato della borsa WMI sono chiamati a raccontare le proprie impressioni e a stilare un elenco degli incontri cui hanno partecipato. Alla pagina dedicata è possibile trovare e leggere tutti i resoconti.

Appuntamenti passati

Social Innovation CAMP Firenze

Il SICamp, organizzato dal neonato Impact Hub di Firenze, è stata un'occasione di incontro fra giovani start up, un'opportunità per accelerare le proprie idee confrontandosi con altri e incontrare anche potenziali investitori. Wikimedia Italia era presente (con Laurentius e Aubrey) per portare l'esperienza delle comunità collaborative, delle licenze libere e del crowdsourcing. Sono stati tre giorni estremamente interessanti, in cui i rappresentanti dell'associazione hanno avuto la possibilità di mostrare a tutti progetti open come Open Street Map, che almeno due start up proveranno ad integrare nei loro servizi.

Bibliohackathon Firenze

Messiti

Il 26 ottobre si è svolta presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze (BNCF) una Bibliohackathon organizzata dalla Biblioteca stessa e da Wikimedia Italia, ovviamente nata in seno al gruppo GLAM/Biblioteche. L'obiettivo dell'incontro era da un lato di realizzare una occasione informativa relativamente alle attività del gruppo e dall'altro offrire una occasione di approfondimento delle attività in corso. I lavori sono stati aperti dagli organizzatori Giovanni Bergamin (in rappresentanza della BNCF) e Andrea Zanni e Cristian Consonni di Wikimedia Italia.

Il primo intervento è stato quello di Marco Masucci di Informatica libera sul Software Libero e poi la discussione è entrata nel vivo con l'illustrazione fatta da Luca Martinelli delle potenzialità di Wikidata.

Raffaele Messuti ha dunque introdotto il software OpenRefine e a seguire Maurizio Napolitano ha raccontato del progetto OpenStreetMap, sottolineando quante diverse e insospettate funzionalità ne possano derivare. A chiudere la mattinata è stata Anna Lucarelli della Biblioteca nazionale che ha illustrato le relazioni create in questi ultimi mesi tra le voci di Wikipedia ed il Thesauro della BNCF.

Il programma della giornata è visibile qui.

(Foto: Messuti spiega ad Andrea e Sannita le funzionalità di OpenRefine di Giaccai, [CC-BY-SA 2.5]).

Appuntamenti futuri

  • 4 novembre, Mestre: partono gli incontri organizzati dalla Biblioteca VEZ di Mestre, nell'ambito del progetto Wiki VEZ orientato all'implementazione delle voci di Wikipedia in lingua italiana su Venezia e la sua Terraferma. Le date sono 4-11-18-27 novembre e 4 dicembre 2013: l'ultimo appuntamento prevede una Editathon sul vetro di Murano, a conclusione della quale alcuni partecipanti verrano selezionati per svolgere un tirocinio in alcune vetrerie muranesi. Andate alla pagina dell'evento per orari, dettagli e modulo di iscrizione.
  • 7 novembre, Treviso: è alle porte l'incontro rivolto ai bibliotecari Nuove biblioteche per nuovi lettori organizzato dalla provincia di Treviso per l'edizione 2013 di Veneto Lettura. L'incontro prevede un intervento della nostra Virginia Gentilini su "Biblioteche e Wikipedia". Dettagli e orari sono reperibili alla pagina di riferimento sul sito.
  • 12 novembre, Milano: Frieda Brioschi (Presidente di Wikimedia Italia), insieme a Carlo Freccero e Alessandra Ghisleri, con la moderazione di Jacopo Tondelli, sarà ospite all'evento New Media e informazione. L'incontro, che fa parte del progetto Fuorigeco, si terrà presso The Hub Milano, dalle 19 alle 21.
  • 14 novembre, Stra (VE): per la settimana della cultura d'impresa di Confindustria, il Museo Rossimoda della calzatura, insieme a Europeana Fashion, organizza presso la sua sede di Villa Foscarini Rossi una edithaton della durata di un giorno. Destinatari privilegiati: studenti universitari dell'Università di Padova e dello IUAV di Venezia impegnati in corsi di studio legati al marketing e al design della moda. Orario 10-16. Per Wikimedia Italia sarà presente Virginia Gentilini.
  • 16 novembre, Ivrea: presso Officina H di Ivrea è in programma il Convegno Didattica Aperta - Libero accesso a software e saperi nella Scuola e nell'Università. L'appuntamento offrirà l'occasione di discutere di condivisione del sapere e risorse libere nell'ambito della formazione. L'invito a partecipare è esteso a tutti, ma i posti sono limitati. Per iscriversi è sufficiente compilare il form sul sito.

Novità dal mondo Wiki

  • La Wikimedia Foundation annuncia di aver avviato un'indagine sugli account che scrivono e modificano voci di Wikipedia per scopi promozionali. Sue Gardner, Direttore Esecutivo uscente, ha scritto un post sul blog della Foundation (in inglese); anche in Italia diverse testate hanno affrontato la questione: Corriere.it, Tom's Hardware, Punto Informatico.
  • Il 29 ottobre Wikidata ha compiuto un anno! In soli 12 mesi è diventato il quinto progetto più attivo fra tutti i progetti Wikimedia, con più di 13,5 milioni di elementi creati, più di 18,7 milioni di dichiarazioni e circa 85 milioni di modifiche. Wikidata gestisce in automatico i collegamenti linguistici e interprogetto fra Wikipedia, Wikivoyage e Wikimedia Commons, altri seguiranno nel corso dei prossimi mesi. Sven Manguard, uno degli amministratori di Wikidata, traccia un bilancio del primo anno.
  • Siria, Giordania, Algeria, Tunisia e Egitto partecipano per la prima volta quest'anno a Wiki Loves Monuments. In Siria, dove imperversa una tremenda guerra civile, il successo del concorso è stato oltre ogni aspettativa; forte è il bisogno di preservare la memoria storica dei monumenti distrutti dal conflitto.
  • Sul blog di Wikimedia Foundation è stato pubblicato il report di ottobre del progetto Wikisource strategic vision. Uno dei protagonisti è il Responsabile dei Progetti di Wikimedia Italia, Andrea Zanni.
  • Wikipedia Zero fa un altro passo avanti: gli oltre 70 milioni di utenti dell'Africa subsahariana potranno leggere le voci dell'enciclopedia via sms, da semplici telefoni cellulari (senza internet). La novità è frutto della partnership tra Wikimedia Foundation e la società Airtel, supportate nella sperimentazione dall'esperienza dell'organizzazione non-profit Praekelt Foundation. Al momento il sistema è stato attivato in Kenya per una fase di prova di tre mesi.



Attenzione, questo bollettino è da considerarsi un prodotto destinato esclusivamente all’informazione aziendale sia ad uso interno sia presso il pubblico e pertanto, in ossequio al dettame dell'art. 1 comma 2 Legge 7 marzo 2001 n. 62, non è da considerarsi un prodotto editoriale